Guru Padmasambhava: La storia della sua vita miracolosa e il significato della sua Sādhanā

Quella che segue è la trascrizione di una conferenza del professor Wangchuck Dorjee Negi, parte della IV Sessione “L’impatto di Guru Padmasambhava nel nostro tempo” di una conferenza di due giorni intitolata “Conferenza sulla vita e l’eredità di Guru Padmasambhava“. Questa conferenza si è tenuta presso l’India International Centre, Delhi, in collaborazione con Sahapedia e Centre for Escalation of Peace, il 29-30 gennaio 2019. 

Tathāgata, il Buddha, ha menzionato tre poteri inconcepibili:

  • degli atomi
  • della causa e del risultato karmico
  • della mente (citta).

Nel XXI secolo, siamo consapevoli del potere degli atomi, per esempio le bombe atomiche, i jet supersonici, internet e così via. Per quanto riguarda la relazione karmica, con l’aiuto della scienza moderna, possiamo vedere la meraviglia dell’universo, l’esistenza di varie e diverse creature che vivono sulla terra e nel mare. Così possiamo capire l’inconcepibile potere della causa e del risultato karmico. Ma oggi gli esseri umani stanno dimenticando il potere della mente. Anche se la mente è il vero agente che causa tutte queste altre potenzialità e le varie azioni, la scienza moderna non ne è consapevole. Pertanto, è la necessità dell’ora e il momento più adatto per discutere del grande praticante e Maestro realizzato, il guru Padmasambhava.

Padmasambhava, il Maestro che diffuse il Buddismo Tibetano
Padmasambhava

Una persona non è semplicemente un aggregato di atomi e forme; è la mente che è il fattore dominante di una persona. Se non realizziamo l’esistenza e l’infinita potenzialità della mente, la nostra vita non può sperimentare una vera felicità.

Tutta la letteratura buddhista parla della natura della mente e delle varie tecniche per disciplinarla. Pertanto, gli insegnamenti del Buddha sono conosciuti come Śāsana, che significa allenamento/disciplina. Tra questi insegnamenti, il veicolo Śrāvaka enfatizza l’eliminazione dell’attaccamento e dell’odio e pone maggiore enfasi sul Pātimokkha-samvara, il voto di auto-liberazione. Il veicolo Bodhisattva o Pāramitā considera la compassione, ecc. molto più importante del Pātimokkha-samvara o l’eliminazione dell’attaccamento, dell’odio e così via. Troviamo molti sutra in cui, a volte, anche alcune azioni che sono proibite altrimenti sono permesse se è puramente per il beneficio di molti altri. Il Vajrayāna è un veicolo segreto ed esoterico, che può essere conosciuto come affermato nei seguenti Nadapadada nel Sekoddesatika:

gŗddhakūṭeyathāśāstrā, prajňāpāramitānaye/

tathāmantranayeproktā, śrīdhānyedharmadeśanā// (p.3)

Questo significa che, mentre il “Così-andato” o Buddha stava insegnando la Prajñāpāramitā al Picco Griddhakuta, il Buddha apparve anche dal suo corpo di saggezza, o Jñānakaya, nella forma della divinità Kālacakra e diede insegnamenti sul tantra a Sucandra, il re dei Śambhala in Amravati.

Ācāryaśākyamitra dice: “Mentre il Buddha stava praticando in condizioni austere sulla riva del fiume Nairanjana, in quello stesso momento il suo corpo sapienziale stava insegnando lo Yogatantra nel regno Akaniṣṭha (il più alto livello del cielo)”. 

I Cinque Dhyani Buddha

Una persona che comprende la sua mente e Tathāgatagarbha o Buddhità, è in grado di comprendere questo fatto che il Buddha può svolgere molte attività alla volta. La Buddhità non può essere acquisita dall’esterno, si ottiene solo attraverso l’autorealizzazione. Questo può essere compreso quando analizziamo i sinonimi di Vajrayāna. È detto così nell’Advayavajra:

Vajreṇaśūnyatāproktā, sattvenajňānamātratā/

tādātmyamanayoḥsiddhaṃvajrasattvasvabhāvataḥ// (p.24)

La natura inseparabile della vacuità e della saggezza si chiama Vajra. E Vajrayāna è il metodo o il sentiero per visualizzare questa stessa natura. È detto come segue nel Guhyasamāja:

Kāyāvākcittavajreṇabhedyābheyasvabhāvatā // (18.36)

Il corpo stesso è la parola. Il discorso stesso è la mente. La mente stessa è corpo e parola. L’unità è il sentiero del Vajrayāna. È anche chiamato veicolo risultante, o Phalayāna, perché il corpo risultante, le attività, ecc. sono contemplate proprio sul sentiero verso di esso. Da questo, è chiaro che il tantra è un segreto estremo, e non è oggetto della gente comune. Se non comprendiamo la segretezza del tantra, non possiamo rendere giustizia alla vita e alle attività di Padmasambhava. È come spiegare le quattro stagioni a creature che non possono sopravvivere nemmeno una stagione. Quindi, come può capire le quattro stagioni?

Elementi misteriosi si trovano dal Theravada al Mantrayāna.

Per esempio, nel sutra Atanatiya si dice che Shakyamuni Buddha va nel trentatreesimo regno degli dei e dà insegnamenti a sua madre. Sidice anche che il funerale del Buddha non prese fuoco finché il Grande Kashyapa non raggiunse Kusinagara. Quando vi giunse, il Buddha si rianimò e diede brevi insegnamenti sul Vināya. Anche nel Paramitayāna, Asaṅga va nel cielo Tushita e riceve insegnamenti da Maitreya, Tillipada va nel cielo Akanishṭa e riceve insegnamenti di Mahāmudrā da Vajradhara, il grande traduttore tibetano Marpa incontra il corpo di saggezza di Nadapada dopo la scomparsa di Nadapada. Allo stesso modo, anche se Acharya Candrakīrti è nato 600 anni dopo, incontra Nagārjuna.

La saggezza di Nagārjuna lo benedice ed egli compone il Pradipodhyotana, commento al Guhyasamaja. Questi eventi misteriosi non sono accettabili per gli storici moderni, ma i grandi Acharya e Maestri realizzati sia in India che in Tibet, che hanno dedicato tutta la loro vita alla spiritualità, hanno accettato questi fatti misteriosi all’unanimità. Pertanto, non possiamo negare gli eventi misteriosi con il nostro intelletto limitato. Per esempio, anche in termini di sviluppo della scienza, sappiamo che da un pallone aerostatico all’inizio, oggi il mondo ha jet supersonici. Allo stesso modo, ci sono grandi poteri della mente in termini di pratica segreta del Vajrayāna che non possiamo negare. Allo stesso modo, le attività miracolose di Guru Rinpoce sono così vaste e profonde.

Guru Dragpo

Generalmente, quattro modi di nascere sono accettati nel Buddhismo, come è detto nell’Abhidharmakośa:

caturdhānaratiryaňconārakāupapādukāḥ/

antarābhavadevāścapretāapijarāyujāḥ// (3.6)

Ci sono tutti e quattro i tipi di nascite negli esseri umani e negli animali. Il commento dell’Abhidharmakośa può essere consultato per elaborazioni dettagliate. Padmasambhava è nato sul fiore di loto.

Come è detto nel Namasangiti:

buddhapadmodbhavaḥśrīmānsarvajňajňānakoṣadhṛk/

viśvamāyādarorājābuddhavidyādaromahān// (34-35)

È detto nel sutra: ‘Raggiungo il Mahāparinirvāṇa per dissipare la posizione dell’eternità. Per dissipare la posizione del nichilismo, nascerò come principe sul fiore dello stagno Dhanakośa“. Così la nascita di Padmasambhava sul fiore di loto e le sue attività benefiche sono menzionate nei sutra e nei tantra. Il grande storico tibetano Pawo Tsuglak Trengwa ha detto:

“Per domare gli esseri non umani, Padmasambhava è nato sul loto e ha beneficiato innumerevoli esseri”.

Pertanto, la vita e le attività di Padmasambhava non possono essere disposte in ordine.

Sakya Pandita disse anche così nel Trisamvaravibhanga: “Il re invitò Padmasambhava nel suo paese, il Tibet. Egli tenne sotto la sua custodia tutte le dodici divinità della terra del Tibet. Pertanto, la diffusione della posizione non buddhista non è possibile qui. Così, tutti i grandi maestri realizzati del Tibet si inchinano a lui con rispetto”.

Descrivendo la personalità di Guru Rinpoce, Upadhyaya Śāntarakṣita dice:

“Ho messo tutti i non-buddhisti nell’insegnamento del Buddha con la mia conoscenza. Sono ben versato in tutti i Sutra e i testi di Pāramitā e pratico la Bodhicitta. Ma non posso controllare gli esseri non umani del Tibet. Per domarli, il Guru Ācaryā Padmasambhava di Uḍdiyāna deve essere invitato perché è la persona che ha raggiunto il compimento della longevità e lo status di Vidyādhara. Egli è in grado di controllare tutti gli dei, i demoni e di limitarli per proteggere e diffondere il Dharma”.

Così Upadhyaya Śāntarakṣita chiese all’imperatore Trisong Dechen. Da questo è chiaro che Padmasambhava era un abile praticante tantrico e aveva il controllo della sua durata di vita.

Sakya Pandita

Dīpankara Śrījñāna ebbe una visione della divinità Tara, e a causa della sua ispirazione, divenne un monaco piuttosto che diventare un re. Era il cancelliere del Vikramaśilā Mahāvihara (università) prima di andare in Tibet. Era un bodhisattva dotato di chiaroveggenza. Disse anche che Padmasambhava è equivalente al secondo Vajradhāra, e grazie a lui, molte scritture furono raccolte nel monastero di Samye da vira e dakini, che non erano disponibili in India.

Oggi, il Buddhismo e la sua filosofia si stanno diffondendo dalle nostre regioni himalayane in ogni angolo del mondo. E tutto il merito va a Padmasambhava. A questo proposito, molte profezie e biografie si trovano nei sutra, nei tantra e negli insegnamenti nascosti. Se comprendiamo semplicemente la segretezza del mantra e la sua attività di essere nato sul loto, non abbiamo bisogno di preoccuparci di altro. È come un oceano insondabile da cui possiamo prendere l’acqua di cui abbiamo bisogno e usarla. Guru Padmasambhava, sebbene fosse un illuminato, ricevette molti insegnamenti e iniziazioni da grandi Siddhas per ispirare altri esseri umani: Bhiksuni Anandi, Humkara, Buddhaguhya, Vimalayamitra, Rombu Guhyadeva, Srisimha, ecc.

Guru Padmasambhava ha otto manifestazioni. Queste otto manifestazioni prendono il nome dalle grandi e meravigliose attività di Guru Rinpoce.

  1. La sua nascita miracolosa è manifestata da Guru Tsokye Dorje.
  2. Mentre risiedeva a Uḍdiyāna come re, era Guru Padma Gyalpo, conosciuto anche come Gyalpo Throcog Chen.
  3. La sua ordinazione e maestria sul Vinaya è manifestata da Guru Sakya Senge.
  4. Ha padroneggiato tutti gli insegnamenti attraverso la manifestazione di Guru Loden Chogsed.
  5. Ha soggiogato tutti gli spiriti demoniaci attraverso la manifestazione del Guru Nyima Oser.
  6. Ha stabilito il Buddhismo in Tibet attraverso la manifestazione del Guru Padma Sambhava.
  7. Attraverso la manifestazione del Guru Senge Dadog, ha sconfitto tutte le posizioni non buddhiste.
  8. Come Guru Dorje Dolod, ha nascosto molti insegnamenti (ter)per le generazioni future.

Queste sono le otto manifestazioni più importanti di Guru Rinpoce. Guru Rinpoce ha promesso che, in particolare ogni decimo giorno di luna crescente, sarebbe apparso attraverso i raggi del sole e avrebbe svolto attività a beneficio degli esseri senzienti. Quindi, se siamo in grado di fare preghiere speciali in questo giorno, la benedizione sarà più efficace.

I discepoli e l’eredità di Guru Rinpoce

Su suggerimento di Upadhyaya Śāntarakṣita, il re tibetano Trisong Deutsen invitò Guru Rinpoce in Tibet; senza il suo grande potere, non era possibile controllare le influenze demoniache in Tibet. Guru Rinpoce controllò tutto il potere demoniaco e gli fece costruire il monastero di Samye. Sia Upadhyaya Śāntarakṣita che Guru Rinpoce stabilirono il Buddhismo in Tibet, e tradussero molti testi in tibetano. È menzionato nel Padma Kathang che molti testi tantrici furono tradotti ed insegnati da Guru Padmasambhava.

Lo stesso re Trisong Deutsen era il discepolo principale di Guru Rinpoce e c’erano altri 25 discepoli principali di Guru Rinpoce. Tutti erano dotati di un potere miracoloso e di una profonda conoscenza dell’insegnamento del Buddha. Essi erano: Namkhe Nyingpo, Nupchen Sangye Yeshe, Gyalwa Chokyang, Khandro Yeshe Tsogyal, Palgyi Yeshe, Langchen Palgyi Senge, Vairotsana, Nyak Jnanakumara, Gyalmo Yudra Nyingpo, Nanam Dorje Dudjom, Yeshe Yang, Sokpo Lhapal, Nanam Shyang Yeshe De, Kharchen Palgyi Wangchuk, Denma Tsemang, Kawa Paltsek, Shupu Palgyi Senge, Dre Gyalwe Lodro, Drokben Khye’u Chung Lotsawa, Otren Palgyi Wangchuk, Ma Rinchen Chok, Lhalung Palgyi Dorje, Langdro Könchok Jungne, Lasum Gyalwa Changchup e Drenpa Namkha.

Guru Rinpoce insegnò il più alto insegnamento tantrico ai suoi discepoli di facoltà superiori.

Quando Guru Rinpoce stava lasciando il Tibet, Khado Yeshe Tsogyal disse: “Ora su chi faremo affidamento? Chi sarà il nostro rifugio? Chi dissiperà la miseria del popolo del Tibet? Chi scioglierà il nodo dell’insegnamento? Chi condividerà la nostra esperienza spirituale? Per favore, favoriteci e non abbandonateci”.

Guru Rinpoce rispose: ‘Non mi separerò da voi. Meditate su di me nel vostro cuore. Ho nascosto molti insegnamenti per il bene della generazione futura”.

E Guru Rinpoce lasciò anche le sue impronte di mani e piedi su molte rocce, laghi, ecc. Così, Guru Rinpoce ha conservato molti tesori per la generazione futura. Questi tesori sono conosciuti come terma. Altri grandi praticanti hanno poi rivelato questi insegnamenti di volta in volta. Ci sono 108 grandi maestri che hanno rivelato gli insegnamenti nascosti. Sange Lama fu il primo maestro a rivelare gli insegnamenti del Guru. Le essenze principali degli insegnamenti del tesoro sono: Kagyed Desheg Duspa (otto serie di insegnamenti tantrici, cioè l’insegnamento Yamāntaka, l’insegnamento Mahāmaya, l’insegnamento Heruka, l’insegnamento Kilāya, ecc) e Dzogchen. Guru Rinpoce ha portato tutti gli insegnamenti tantrici, cioè Mahāyoga, Anuyoga, Atiyoga, in Tibet. In più, Guru Rinpoce ha insegnato molti insegnamenti sull’essenza del cuore. Ci sono anche molti insegnamenti Nyingthig come Khando Nyingthig e Vimāla Nyingthig. Longchen Rabjam ha spiegato gli insegnamenti Nyingthig nei suoi testi filosofici e nei manuali di pratica.

Tara Bianca e Verde

Il posto di Guru Padmasambhava nelle regioni himalayane:

Guru Rinpoce ha lasciato vasti e profondi insegnamenti da praticare. Ha visitato ogni angolo del Tibet, Bhutan, Nepal, regioni himalayane dell’India e ha benedetto l’intera regione. Pertanto, abbiamo molti luoghi di pellegrinaggio di Guru Rinpoce in Tibet e in molte delle regioni himalayane tra cui Nepal, Bhutan, Pakistan e Afghanistan. Infatti, si dice che ogni granello di polvere del Tibet sia stata benedetta da Guru Rinpoce.

Paro Taksang, il più famoso luogo di pellegrinaggio di Guru Rinpoce si trova in Bhutan. In Nepal ci sono luoghi come Yang le Shod (Pharphing), Chu Migbyang Chub (Daman), Sala do lha (Muktinath), Maratika (Halesi), Timal, e così via, dove Guru Rinpoce raggiunse alcuni grandi Siddhis e beneficiò molti esseri senzienti. Le regioni himalayane dell’India, come Sikkim, Ladhak, Himachal, Mon e Padma Kod, ecc., sono tutte ben note anche per i luoghi di pellegrinaggio legati a Guru Rinpoce. In questi luoghi, le impronte di Guru Rinpoce possono essere trovate ovunque. L’influenza di Guru Rinpoce può essere vista anche nella gente dell’Himalaya. Ovunque in queste regioni viene eseguito il tse-chu e la recitazione del mantra di Guru Rinpoce è molto popolare e considerata potente dalla gente di queste regioni.

Poi, permettetemi di fare un po’ di luce sul rituale di Padmasambha. Come può una persona comune meditare mentre recita il mantra di Padmasambhava? Ne parleremo secondo l’insegnamento di Pal Tashi Tomgyal. Si visualizza nel modo seguente:

Om āḥ hūṃ vajra guru padma siddhi hūṃ

Nella forma del corpo simile all’arcobaleno, sulla sede del sole e della luna, sulla propria testa, il Vidhyadhara, la manifestazione mentale dei Buddha di tutti e tre i tempi, Padmasambhava, sul Vajra-sedile di colore bianco e rosso, nella forma di un ragazzo di otto anni, vestito con il panno tantrico di colore blu, il panno triplice del monaco di colore rosso, e in panno del re, tenendo un Vajra sulla mano destra vicino al cuore, tenendo un teschio (pieno di elisir) sulla mano sinistra in posizione di meditazione, indossando un cappello di loto sulla testa, adornato con i vari gioielli, molto attraente, splendente, degno di rispetto, guru della tradizione principale, divinità, Dakini, protettori del Dharma e protettori dell’insegnamento nascosto, tutti stanno circondando (Padmasambhava).

 Si dovrebbe meditare in questo modo. Dopo di che, si dovrebbe invocare la divinità della conoscenza.

Hūm, nella direzione ovest-nord di Uḍḍiyāna,
Sul petalo, la grande meravigliosa personalità rinomata,
E circondato dal seguito di ḍāka e ḍākinī.
Faccio i rituali seguendo voi.
Perciò, vieni qui a benedirmi.
Hūm, compilando gli oggetti che devono essere offerti come –
fiori, incenso, lampade, cibo divino, profumi e così via,
Con baldacchini, bandiere, strumenti musicali,
Gioielli di valore, fiori, forme,
Suoni, sapori, oggetti tattili, oggetti mentali,
La grande essenza Bodhicitta,
E con l’inconcepibile nuvola di offerta oggetto,
Offro tutte queste cose ai maestri di lignaggio principali,
Divinità pacifiche e iraconde,
Autorevoli maestri di Dharma coraggiosi e ḍākinī,
e tutti i protettori del Dharma.
Che mi concedano il successo del corpo, della parola e della mente.

La sillaba Om è l’essenza dei tre corpi del Buddha. Il corpo è il corpo di manifestazione, la parola è il corpo di godimento e la mente è il corpo di verità. Lo scopo di aggiungere Om āḥ hūṃ al mantra di Guru Padmasambhava è che Guru Rinpoce è la rappresentazione del corpo, della parola e della mente di tutti i Buddha.

Il significato di Vajra: avendo ottenuto la conoscenza corretta della realtà di tutti i fenomeni che è di natura non concettuale e luminosa, ci sarà la conoscenza inseparabile di tutte le verità convenzionali causali.

Padmasambhava è la forma inseparabile della conoscenza della realtà e della conoscenza della convenzione. Questo è il significato di Vajra. Un altro significato di Vajra è che il corpo di Padmasambhava è simile a un diamante perché è il corpo di saggezza vajra che non ha alcuna sofferenza. Il suo discorso è come un diamante perché è vero e irrefutabile. La sua mente è libera sia dalle oscurazioni delle afflizioni che dall’onniscienza. Pertanto, la sua mente è chiamata diamante. Così, Padmasambhava è della natura di tre diamanti. Il suo corpo è adornato con trentadue grandi segni e ottanta segni secondari di un grande uomo.

Monastero di Taktsang (Bhutan)

Guru è generalmente usato nel senso di “pesante”. Ma qui è usato con certe implicazioni.

In tibetano, è tradotto come “la-ma“. Ciò significa grande. Guru (grande) è colui che è dotato di tutte le buone caratteristiche in termini di saggezza e in termini di convenienza, dotato di compassione, ecc.

Secondo le scritture, il significato di guru significa possedere l’auto-prosperità (Dharmakaya per il proprio scopo) e l’altra-prosperità (Rupakaya e Nirmanakaya per lo scopo degli altri). Così, uno chepossiede questi tre corpi è chiamato “guru“.

Padma è il simbolo delle attività. Proprio come il loto nato dal fango non è imbrattato da esso, allo stesso modo, il Guru Padmasambhava, anche se ha preso la nascita nel mondo e beneficia gli esseri senzienti e lui stesso rimane intatto con la defiliazione mondana. In altri modi, egli è il corpo manifesto del Buddha Amitābha. Nelle cinque famiglie, Buddha Amitābha è legato alla famiglia del loto. Questo è ciò che Padma o loto significa. Il Padma significa anche le sue attività. Secondo i Sutra, il Buddha “Così Andato” apparve sotto le spoglie di un monaco, compì dodici azioni e beneficiò gli esseri con i suoi insegnamenti.

Secondo i Tantra, presentando tre miracoli, Padmasambhava nacque su un fiore di loto.

Divenne il principe di Uḍḍiyāna. Fece un’austera pratica di Dharma negli otto grandi ossari ed essendo benedetto dalla conoscenza delle ḍākinīs, sottomise i ḍākas e le ḍākinīs mondane, li mise nella dispensazione del Buddha e raggiunse lo stadio immortale di Vidyādhara. Con il suo potere tantrico, sconfisse molti non buddhisti a Uḍḍiyāna, Zahor e Bodhgayā. Raggiunse il Mahāmudrā a Yang Le Shod (Parphing), in Nepal. Sottomise molti Yakṣa e Yakṣini e affidò loro la responsabilità di proteggere il Buddhismo. Ottenne il corpo illusorio e beneficiò il mondo senza essere contaminato dai defilé mondani.

Amitabha Buddha Celebrated at Buddha Amitabha Pure Land [Part 2] - Mandala  Publications
Buddha Amitābha

Siddhi è la preghiera desiderata. Siddhi è il raggiungimento di buone qualità ben desiderate nella nostra mente. Ci sono due tipi di qualità: generali e speciali. Sette qualità del cielo, otto successi comuni, un’autorità su quattro azioni: pacificazione, prosperità, sottomissione e azioni irate sono le qualità generali. Sette qualità del cielo sono la longevità, la cessazione, la bellezza, la fortuna, il buon clan, la prosperità e la conoscenza. Otto Siddhis comuni sono la capacità di andare veloce, la compressa medicinale, la scomparsa, la conoscenza del tesoro nascosto sotto la terra, il mercurio, la spada e la capacità di impegnare gli yakṣha nel lavoro. La qualità speciale è il raggiungimento dell’onniscienza o della liberazione. Quindi, è una preghiera al Guru Padmasambhava che è in grado di conferire sia le siddhis e le realizzazioni generali e speciali.

Hūm è il mantra che ispira la mente. Hūm è il mantra del seme. Così, Hūm è conosciuto come il mantra che ispira e provoca la mente. Significa “che il Guru Padmasambhava mi benedica e mi consideri”.

Così, questo mantra significa: “Possa il Guru Padmasambhava, colui che possiede tutte le qualità sopra menzionate ed è in grado di conferire qualità terrene e trascendentali agli esseri senzienti, concedermi una manna. Ti prego. Considerami, beneficami”.

Contemplando la pratica di cui sopra, meditare che tutto il successo di cui sopra sta emettendo sotto forma di raggi dalla divinità visualizzata ed entra nel nostro stesso corpo. Così contemplato, infine, Guru Padmasambhava entra nel proprio corpo e si dovrebbe rimanere attentamente in Mahāmudrā Mahāsampanna (Dzogchen).

Ci sono due scopi per scrivere questo breve rituale. In primo luogo, dal suo mantra, si dimostra che Guru Padmasambhava non può essere compreso basandosi solo su fatti storici. Dovremmo essere consapevoli della misteriosa biografia di Guru Padmasambhava come presentata e visualizzata dai precedenti maestri dell’India e del Tibet. Tenendo tutto questo in mente, dobbiamo discutere la storicità di Padmasambhava, altrimenti non saremo in grado di rendere giustizia alla sua personalità.

In secondo luogo, la storia non è importante per i lettori generici che si interessano a fare meditazione con grande devozione. Quindi, per beneficiare i lettori generici, ho presentato il punto di vista dei grandi maestri dell’India e del Tibet senza considerare vari altri punti come i racconti, la storia ecc. descritti in molti testi.

Se in ogni individuo non c’è la potenzialità di diventare un Buddha, non diventerà un Buddha. Per esempio, si può ottenere olio da un seme di senape ma non da un granello di sabbia. Pertanto, in ognuno c’è la potenzialità di diventare un Buddha. La sua natura è di nome e forma che sono il respiro vitale e la mente. Questo è chiamato Vajrasattva (Vajra-essere) nel Vajrayāna.

Dobbiamo capirlo molto bene, altrimenti le nostre preghiere alle divinità desiderate non avranno successo.

La natura del nome e della forma di un individuo è il Vajrasattva da sempre. Non ha né inizio né fine. Se c’è un inizio, la sua causa deve essere data, per cui ci sarà la fallacia del suo inizio e la fallacia della sua eternità. È naturale che ci sia una fine alla quale c’è un inizio. Così, sarà la fallacia del nichilismo e ci sarà la fallacia che raggiungere la Buddhità è come spegnere una lampada. Raggiungere la Buddhità sarà vano in quella condizione. Pertanto, è detto così nel Namasamgiti;

anādinidhanobuddhaādibuddhoniranvaya/

jňānaikacakṣuramalojňānamūrtistathāgataḥ//

Se siamo una parte di una divinità, anche noi dobbiamo aver ereditato la conoscenza divina o ci deve essere una porzione del paramatman in questo atman, perché le qualità che è nella totalità, le stesse qualità devono esserci nella sua porzione. Così si sostanzia il fatto che ognuno ha la potenzialità di diventare. Perciò, i Buddhisti accettano che c’è l’olio in un seme di senape, il burro nel latte, allo stesso modo, la natura di Buddha esiste in ogni essere senziente. Potete meditare sulla divinità desiderata. Si può invocare la divinità desiderata e adorarla, e si può realizzare il benessere sia d se stessi che dell’altro. Anche oggi, il Buddha “così-andato” (tathaga) è con noi nella forma del corpo del Dharma.

Questo articolo è stato pubblicato su Sahapedia nell’autunno 2019

Dr Wangchuck Dorjee Negi

Il dottor Wangchuk Dorjee Negi è professore nel Dipartimento di Mool Shastra (filosofia buddhista indiana) presso l’Istituto Centrale di Alti Studi Tibetani, Sārnāth. Attualmente è il Preside della Facoltà Hetu Evam Adhyatman Vidya. In passato è stato direttore dell’Istituto Centrale di Studi Buddhisti, Leh, Ladakh. Ha al suo attivo 49 articoli, sette libri e due traduzioni e ha viaggiato in vari paesi in qualità di Facoltà ospite, insegnante di Dharma, persona di riferimento e partecipante a conferenze e seminari.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello