COD ELi17jbIFeLZAw3nP Categoria Tag , ,

Lettera a un amico di Arya Nagarjuna - Commentario di Ghesce Ciampa Ghiatso

Lettera a un amico – Commentario di Ghesce Ciampa Ghiatso, di Arya Nagarjuna

brossura, 144pp., 15,00€

isbn 979-12-80233-10-3

 

 15,00

Lettera a un amico di Arya Nagarjuna – Commentario di Ghesce Ciampa Ghiatso

Questo volume inaugura una nuova collana di Nalanda Edizioni dedicato ai Tesori di Saggezza dell’Istituto Lama Tzong Khapa.

In oltre 40 anni, l’Istituto non solo è stato il più grande centro di studio e pratica di Buddhismo Tibetano d’Europa – grazie ai suo corsi di studio come il Masters Program e il Basic Program. Inoltre, ha avuto l’opportunità di ospitare numerosi Maestri di straordinaria saggezza. Un’opportunità rara e preziosa per chi pratica e per la preservazione di una tradizione millenaria, oggi incarnata dagli insegnamenti di Sua Santità il XIV Dalai Lama e riconducibile alla tradizione dell’Università indiana del Nalanda.

Nel corso dei decenni l’Archivio dell’Istituto ha conservato e catalogato – attraverso file audio e video – tutti i preziosi insegnamenti che sono stati dati dai Maestri residenti e dai grandi Lama che ci hanno onorato con la loro presenza.

Questo immenso patrimonio è oggi accessibile grazie a un archivio digitale.

Progressivamente, grazie alla nostra collaborazione, diventerà una collana di volumi. Lo scopo è facilitare lo studio e la pratica, la conoscenza e lo sviluppo del proprio potenziale umano.

Primo volume di questa collana – I tesori di saggezza dell’Istituto Lama Tzong Khapa – non poteva che essere la pubblicazione degli insegnamenti di uno dei maestri più amati del centro. Stiamo parlando di colui che con la sua presenza ha contribuito enormemente alla diffusione del Dharma nel nostro Paese: Ghesce Ciampa Ghiatso.

La Lettera a un amico di Nagarjuna è uno dei testi più accessibili del grande pandit indiano. Nonostante possa essere fatto risalire ad alcuni secoli fa, mantiene intatta la sua freschezza. Infatti è un testo capace di parlare anche a chi, come noi, vive nella frenesia del mondo contemporaneo.

 

Carrello