Buddhismo nella vita quotidiana

Tenzin-Wangyal-Rinpoch

Tutta la nostra esperienza, compresi i sogni, nasce dall’ignoranza. È un’affermazione piuttosto sorprendente da fare in Occidente, quindi prima di tutto comprendiamo cosa si intende per ignoranza (ma-rigpa). La tradizione tibetana distingue due tipi di ignoranza: l’ignoranza innata e l’ignoranza culturale. L’ignoranza innata è la base del samsara, è la caratteristica che definisce gli esseri ordinari. […]

Offline

I social network sono un fenomeno straordinario, un’incredibile opportunità di comprendere la verità dell’interdipendenza: nessuna delle nostre vite si svolge in un vuoto isolato. Ma i social network sono anche, probabilmente, la dipendenza più diffusa sul nostro pianeta in questo momento, risucchiano miliardi di ore del nostro tempo che non torneremo mai più. In un recente

Non c’è peggior male dell’odio e nessuna forza paragonabile alla pazienza. Perciò dovrei sforzarmi in ogni modo di meditare sulla pazienza. (Shantideva, Bodhisattvacharyavatara, 6,2) In generale, ci sono molte emozioni afflittive. La presunzione, l’arroganza, la gelosia, la bramosia, la lussuria, la chiusura mentale… E così via, ma fra tutte l’odio o la rabbia sono il male

Carrello