Consiglio di cuore per i praticanti

Una risposta a una richiesta di consiglio da parte di Tan Nisabho, un giovane monastico ordinato nella Tradizione della foresta thailandese dopo aver frequentato il programma “Exploring Monastic Life” nel 2012. Tan Nisabho ha visitato di nuovo l’Abbazia di Sravasti per alcuni giorni nel maggio 2015. Ascoltare e imparare dagli altri, ma pensando da soliEssere[…]

Come guardare un muro

“Ti piacerebbe imparare a meditare adesso?” L’ho chiesto a una studentessa mentre ci avvicinavamo alla fine della lezione di meditazione. Stavo perdendo la pazienza. Per tutta la mattinata aveva sollevato obiezioni e domande filosofiche. Voleva discutere del Buddhismo e non praticarlo. Il tempo stava scadendo e avevamo appena iniziato. Ho continuato a cercare di tornare[…]

I Cinque Ostacoli (Pañca Nīvaraṇāni)

NAMO TASSA BHAGAVATO ARAHATO SAMMASAMBUDDHASSA Rendo omaggio al Beato, al Nobile, al perfettamente Risvegliato I principali ostacoli che impediscono la meditazione e la realizzazione liberatrice assumono la forma di uno o più dei Cinque Ostacoli. L’intera pratica che porta all’Illuminazione può essere ben espressa come lo sforzo per superare i Cinque Ostacoli, dapprima sopprimendoli temporaneamente[…]

Secondo il Buddha, le Otto Preoccupazioni Mondane impediscono la felicità

Otto diversi desideri mondani che legano ai cicli infiniti di sofferenza C’è un insegnamento buddhista molto interessante e utile che spiega come le otto preoccupazioni mondane legano ai cicli infiniti di sofferenza e impediscono di raggiungere una felicità duratura. Poiché tutti vogliono essere felici e nessuno vuole soffrire, questo è un insegnamento molto importante e[…]

La scienza del narcisismo spirituale

L’auto-miglioramento attraverso le pratiche spirituali può indurre alcuni di noi a pensare che stiamo evolvendo e crescendo. In realtà, stiamo solo accrescendo il nostro ego. “L’ego è in grado di usare qualsiasi cosa a proprio vantaggio, anche la spiritualità.” Chögyam Trungpa Un presunto beneficio delle pratiche spirituali mente-corpo come lo yoga, la meditazione e la[…]

La mia esperienza è ciò che decido di seguire

Lo psicologo pioniere William James sull’attenzione, il multitasking e l’abitudine mentale che distingue le grandi menti “L’attenzione è la forma più rara e pura di generosità“, ha scritto Simone Weil. Decenni dopo, la scienziata cognitiva Alexandra Horowitz osserva nella sua meravigliosa indagine sui nostri paraocchi di tutti i giorni. “L’attenzione è un discriminatore intenzionale e[…]

Perché la nostra ricerca della felicità potrebbe essere piena di difetti

La società moderna sembra essere ossessionata dalla ricerca della felicità, ma secondo alcuni filosofi, questa potrebbe essere una ricerca vana.“La felicità è un’emozione legata al miglioramento della salute e del benessere, ma la nostra ossessione di essere felici è una ricetta per la delusione?”, chiede Nat Rutherford. Cosa vuoi dalla vita? Probabilmente di recente hai[…]

Le distorsioni che portiamo allo studio del Buddhismo

Dzongsar Jamyang Khyentse invita gli occidentali a riconoscere le distorsioni che possiamo portare allo studio del Buddhismo attraverso la nostra arroganza culturale, l’inganno dell’ego e la semplice ignoranza. Il successo del trapianto di una pratica così sottile e stimolante come il Buddhismo, dice, dipende da uno studio approfondito e da un chiaro riconoscimento dei nostri[…]

Colei che sente le grida del mondo: Guan Yin, la compassione

Nell’iconografia buddhista, la Bodhisattva Guan Yin incarna la compassione e, si dice, si manifesti ovunque gli esseri abbiano bisogno di aiuto. Generare tale compassione non è solo un bene per gli altri, dice Christina Feldman, è anche un bene per noi. Mettendo gli altri al primo posto, allentiamo i legami della nostra fissazione sul proprio[…]

Dentro di te senza di te

Come un telescopio lanciato in orbita oltre le distorsioni dell’atmosfera terrestre, la meditazione śamatha fornisce una piattaforma per esplorare lo spazio profondo della mente. Sono stato attratto dalla pratica dello śamatha sin dal primo momento in cui ci sono stato introdotto, a Dharamsala, in India, all’inizio degli anni ’70. Sono stato subito incuriosito dalla possibilità[…]

Torna su