La mia esperienza è ciò che decido di seguire

Lo psicologo pioniere William James sull’attenzione, il multitasking e l’abitudine mentale che distingue le grandi menti

L’attenzione è la forma più rara e pura di generosità“, ha scritto Simone Weil. Decenni dopo, la scienziata cognitiva Alexandra Horowitz osserva nella sua meravigliosa indagine sui nostri paraocchi di tutti i giorni. “L’attenzione è un discriminatore intenzionale e impenitente. Chiede cosa è rilevante in questo momento e ci prepara a notare solo questo.”

William James (1842–1910)

Più di un secolo prima, nel suo capolavoro The Principles of Psychology, Vol. 1, lo psicologo pioniere William James (11 gennaio 1842 – 26 agosto 1910) esaminò l’interazione di generosità e spietatezza nel più grande dei superpoteri umani, che forma la nostra esperienza di base della realtà.

James offre una definizione di attenzione meravigliosamente precisa ma viva:

“L’attenzione… è la presa di possesso da parte della mente, in forma chiara e vivida, di uno di quelli che sembrano diversi oggetti simultaneamente possibili o treni di pensiero, la localizzazione, la concentrazione, la coscienza sono della sua essenza. Implica il ritiro da alcune cose per trattare efficacemente con altre, ed è una condizione che ha un vero opposto nello stato confuso, stordito e disperso che in francese si chiama distraction e Zerstreutheit in tedesco.”

Molto prima che gli psicologi contemporanei arrivassero a esaminare la base autoreferenziale della coscienza, James scrive:

“Milioni di elementi dell’ordine esteriore sono presenti ai miei sensi che non entrano mai correttamente nella mia esperienza. Perché? Perché non hanno alcun interesse per me. La mia esperienza è ciò che decido di seguire. Solo gli elementi che noto modellano la mia mente: senza un interesse selettivo, l’esperienza è un caos totale. L’interesse da solo dà accento ed enfasi, luci e ombre, prospettiva intelligibile di sfondo e primo piano, in una parola. Varia in ogni creatura, ma senza di essa la coscienza di ogni creatura sarebbe una grigia indiscriminazione caotica, impossibile per noi anche solo da concepire.”

Risultato immagini per caotic mind

È una nozione allo stesso tempo banale e assolutamente radicale per noi oggi.

In qualche modo, siamo ipnotizzati dai rettangoli luminosi che portiamo ovunque. Tanto che sembra che abbiamo rinunciato a questa forma più elementare di libero arbitrio che dà forma alla nostra esperienza di vita. C’è una sorprendente somiglianza tra la vivida descrizione di James della disattenzione, basata sul fenomeno della noia, ormai in via di estinzione, e lo stato mente-corpo indotto dalla stragrande maggioranza dell’uso del nostro dispositivo. E questa somiglianza fa presagire di scongiurare la noia ma con lo stesso risultato:

La maggior parte delle persone probabilmente cade più volte al giorno in un attacco simile a questo: gli occhi sono fissi sul vuoto, i suoni del mondo si sciolgono in un’unità confusa, l’attenzione è dispersa in modo che l’intero corpo sia sentito. Per così dire, a una volta, e il primo piano della coscienza è riempito, semmai, da una sorta di solenne senso di abbandono al vuoto che scorre. Sullo sfondo oscuro della nostra mente sappiamo nel frattempo cosa dovremmo fare: alzarci, vestirci, rispondere alla persona che ci ha parlato, cercare di fare il passo successivo nel nostro ragionamento […]
Ogni momento ci aspettiamo che l’incantesimo si spezzi , poiché non c’è motivo per cui dovrebbe continuare. Ma continua, impulso dopo impulso, e galleggiamo con esso, finché, anche senza motivo concreto, arriva l’energia, qualcosa che non sappiamo cosa sia, ci permette di ricomporci, strizziamo gli occhi, scuotiamo la testa, le idee di sfondo diventano effettive e le ruote della vita girano di nuovo.

Risultato immagini per cellphone distraction

L’abolizione di questa condizione è ciò che chiamiamo il risveglio dell’attenzione.

James offre un’altrettanto sobria visione che fa riflettere sul multitasking. Alla domanda di quante cose possiamo occuparci contemporaneamente – quanti “sistemi o processi di concezione completamente disconnessi possono portare avanti simultaneamente” nella nostra coscienza – risponde:

“Non facilmente più di uno, a meno che i processi non siano molto abituali; ma poi due, o anche tre, senza grandi oscillazioni dell’attenzione. Dove, invece, i processi sono meno automatici… deve esserci una rapida oscillazione della mente da uno all’altro, e nessun conseguente guadagno di tempo.”
Quando l’attenzione in attesa è concentrata su una delle due sensazioni, l’altra tende a essere spostata dalla coscienza per un momento e ad apparire successivamente; sebbene in realtà i due possano essere stati eventi contemporanei.

L’atto di prestare attenzione e il modo in cui viene eseguito, sostiene James, è ciò che distingue i geni dalla gente comune:

“L’attenzione sostenuta è quanto più facile, più ricca di acquisizioni e più fresca e originale è la mente. In tali menti, i soggetti germogliano, germogliano e crescono. In ogni momento, appagano con una nuova conseguenza e attirano nuovamente l’attenzione. Ma un intelletto non fornito di materiali, stagnante, non originale, difficilmente prenderà in considerazione un argomento a lungo. Uno sguardo esaurisce le sue possibilità di interesse. Si crede comunemente che i geni eccellano sugli altri uomini dal loro potere di attenzione sostenuta … Le loro idee scintillano, ogni soggetto si ramifica infinitamente davanti alle loro fertili menti e così per ore possono essere assorti.

Risultato immagini per boredom

Ma la misura ultima del genio, osserva James in un sentimento che riecheggia Goethe, non è tanto lo stile mentale di come viene prestata l’attenzione quanto il discernimento disciplinato di ciò a cui ci dirigiamo:

Quando scendiamo alla radice della questione, vediamo che [i geni] differiscono dagli uomini comuni meno nel carattere della loro attenzione che nella natura degli oggetti su cui viene successivamente conferita.

I Principles of Psychology (http://www.public-library.uk/ebooks/50/61.pdf) , che sono di dominio pubblico, rimangono un testo fondamentale per la comprensione della mente umana. Potete completare questa parte con Mary Oliver su cosa significa veramente attenzione e Annie Dillard sui due modi di guardare, quindi rivisita James su come funziona l’abitudine, quali sono veramente le nostre emozioni e la psicologia del secondo vento.

Articolo pubblicato su Brainpickings nel 2016

Maria Popova

Maria Popova, nata il 28 luglio 1984, è una critica letteraria e un’artista americana di origine bulgara che ha trovato ampio interesse: 3 milioni di visualizzazioni e più di 7 milioni di lettori mensili, sia per la sua scrittura che per la stilistica visiva che lo accompagna. È conosciuta soprattutto per il suo blog, “Brain Pickings”, una pubblicazione online che ha lottato per mantenere priva di pubblicità, che mostra i suoi scritti su libri e idee dalle arti, filosofia, cultura e altri argomenti. Oltre ai suoi impegni di scrittura e relatrice, ha lavorato come MIT Futures of Entertainment Fellow, come direttore editoriale del social network di istruzione superiore Lore e ha scritto per The Atlantic, Wired UK, e altre pubblicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su