Mahasiddha: maestri di saggezza e potere spirituale

Mahasiddha: maestri di saggezza e potere spirituale

I Mahasiddha, termine sanscrito che significa “Grandi Realizzatori”, rappresentano una delle figure più affascinanti e misteriose del panorama spirituale indiano. Mistici, asceti e yogi, grazie alle loro pratiche spirituali avanzate, ottennero le siddhi ovvero poteri soprannaturali oltre all’illuminazione in una sola vita. La loro storia si intreccia con le tradizioni del Buddhismo tantrico e dell’Induismo e la loro influenza si è estesa in tutta l’Asia, soprattutto in Tibet. 

Emersi nel primo millennio d.C., in un periodo di fioritura delle pratiche tantriche in India, la loro vita e le loro gesta spesso sono raccontate in storie leggendarie, raccolte principalmente nei testi buddhisti tibetani, come il Chaturaśītisiddhapravṛtti che descrive la vita di 84 di loro. 

Le vite degli 84 Mahasiddha

Il Chaturaśītisiddhapravṛtti, noto anche come Le vite degli 84 Mahasiddha, è un testo fondamentale del Buddhismo tantrico. E’ composto da biografie brevi e leggendarie, ognuna delle quali narra la vita, le pratiche spirituali e le realizzazioni di un singolo Mahasiddha. Ogni storia è un esempio di come un praticante possa raggiungere l’illuminazione attraverso mezzi non convenzionali, spesso infrangendo le norme sociali e religiose, indipendentemente dall’estrazione sociale o professionale. Molti Mahasiddha, infatti, sfidarono apertamente le convenzioni del loro tempo, comportandosi in modo eccentrico o radicale ma con l’unico scopo di insegnare la vacuità (Śūnyatā) e la natura illusoria della realtà.

Abbondano gli episodi in cui manifestano poteri soprannaturali come la levitazione, l’invisibilità, la trasformazione del corpo e guarigioni miracolose, eventi presentati non come fini a se stessi, ma come segni del progresso spirituale e dei mezzi abili acquisiti per aiutare gli altri.

Degli 84 Mahasiddha citati nel  Chaturaśītisiddhapravṛtti, ne citiamo a titolo di esempio solo alcuni: Tilopa fu grande maestro che ricevette insegnamenti diretti dalle dakini, sviluppando successivamente pratiche avanzate come il Mahamudra. Le sue istruzioni a Naropa costituiscono una parte importante delle pratiche tantriche.

Discepolo di Tilopa, Naropa divenne famoso per aver affrontato dodici grandi prove che lo portarono all’illuminazione. Le sue pratiche, note come i Sei Yoga di Naropa, sono fondamentali nel Buddhismo Vajrayana. Virupa è celebre per aver arrestato il sole nel cielo e per altre imprese straordinarie, prova della sua perfetta realizzazione della vacuità. Infine, Padmasambhava, conosciuto anche come Guru Rinpoche, introdusse il Buddhismo tantrico in Tibet dopo aver sconfitto le forze negative con i suoi poteri spirituali.

Ma il Chaturaśītisiddhapravṛtti non è semplicemente una raccolta di storie miracolose. Attraverso la devozione, la pratica meditativa e l’insegnamento diretto di quei maestri, questo testo ci dice che è possibile realizzare la natura ultima della realtà, che è vuota e interdipendente. I Mahasiddha insegnavano infatti che la vera natura (o natura ultima) di tutte le cose e dei fenomeni è la vacuità (Śūnyatā) e che attraverso pratiche meditative avanzate, come lo yoga tantrico e le visualizzazioni, è possibile sperimentare questa verità direttamente. 

Tra le pratiche fondamentali ci sono il Guru Yoga, in cui il discepolo si unisce spiritualmente al proprio maestro, considerato una manifestazione del Buddha o di una divinità tantrica, e pratiche esoteriche come il tummo (il calore interiore), il phowa (il trasferimento della coscienza al momento della morte) e lo dzogchen (la Grande Perfezione).

L’influenza dei Mahasiddha si estende oltre le pratiche spirituali, permeando la cultura, l’arte e la letteratura. La loro vita e i loro insegnamenti sono state celebrate in molte opere d’arte, dai dipinti tibetani ai testi sanscriti. Il Buddhismo Vajrayana, diffuso in Tibet e Mongolia, deve loro molto, considerandoli i propri fondatori spirituali. I loro insegnamenti sono stati trasmessi attraverso le generazioni da maestri come Marpa e Milarepa, sono giunti fino a noi e continuano ad essere diffusi grazie ai contemporanei insegnanti del Buddhismo Vajrayana. Anche Sua Santità il Dalai Lama spesso trasmette le loro pratiche e filosofie, adattandole al contesto moderno e rendendole accessibili a un pubblico globale.

Per saperne di più

1. Dowman, Keith. Masters of Mahamudra: Songs and Histories of the Eighty-four Buddhist Siddhas. SUNY Press, 1985.

2. Guenther, Herbert V. The Life and Teaching of Naropa. Shambhala, 1995.

3. Mullin, Glenn H. Readings on the Six Yogas of Naropa. Snow Lion Publications, 1997.

4. Snellgrove, David. Indo-Tibetan Buddhism: Indian Buddhists and Their Tibetan Successors. Shambhala Publications, 1987.

5. Thondup, Tulku. Masters of Meditation and Miracles: Lives of the Great Buddhist Masters of India and Tibet. Shambhala, 1999.

6. White, David Gordon. The Alchemical Body: Siddha Traditions in Medieval India. University of Chicago Press, 1996.

Shares

Ti potrebbe interessare...

Dzongsar Jamyang Khyentse Rinpoche
Buddhisti o non buddhisti?

Dzongsar Jamyang Khyentse Rinpoce, autore del libro “Sei sicuro di non essere buddhista?”, riflette su cosa voglia dire essere davvero buddhisti o no.

Per approfondire...

Ti è piaciuto questo articolo?

Se questo e gli altri insegnamenti che puoi leggere gratuitamente sul nostro sito ti sono piaciuti aiutaci a continuare a tradurli e pubblicarli con una piccola donazione, poco più di un caffé a testa per la nostra redazione. Grazie!

Oppure scrivi tu l'importo che ritieni più adatto

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Totale della donazione: €5,00

Carrello