Secondo il Buddha, le Otto Preoccupazioni Mondane impediscono la felicità

Otto diversi desideri mondani che legano ai cicli infiniti di sofferenza

C’è un insegnamento buddhista molto interessante e utile che spiega come le otto preoccupazioni mondane legano ai cicli infiniti di sofferenza e impediscono di raggiungere una felicità duratura. Poiché tutti vogliono essere felici e nessuno vuole soffrire, questo è un insegnamento molto importante e universale.

Photos and letter emerge from Yongey Mingyur Rinpoche's ascetic retreat -  Lion's Roar
Mingyur Rinpoce durante il suo ritiro errante

L’idea viene dalla Prima Nobile Verità del Buddhismo che dice che il desiderio causa sofferenza. Ma che tipo di desiderio? I desideri sono tutti legati all’ego e alla falsa idea che accumulando o liberandosi di certe cose si possa ottenere la felicità. Essenzialmente si tratta di attaccamento e avversione come cause principali dell’infelicità secondo Buddha.

Le otto preoccupazioni che impediscono la felicità sono:

  1. Godere di avere denaro e beni materiali.
  2. Essere delusi, turbati, arrabbiati quando perdiamo beni o non li riceviamo.
  3. Sentirsi felici quando le persone ci lodano e ci approvano e ci dicono quanto siamo meravigliosi.
  4. Sententirsi molto turbati e abbattuti quando ci criticano e ci disapprovano, anche se ci stanno dicendo la verità!
  5. Sentirsi felici quando abbiamo una buona reputazione e una buona immagine.
  6. Essere abbattuti e sconvolti quando abbiamo una cattiva reputazione.
  7. Sentirsi deliziati quando proviamo piaceri sensoriali: viste, suoni, odori, sapori e sensazioni tattili fantastici.
  8. Sentirsi abbattuti e sconvolti quando si hanno sensazioni spiacevoli.

Abbandonare queste otto preoccupazioni mondane e concentrarsi sul divenire illuminati è ciò che significa essere una persona spirituale. In questi giorni la parola “spirituale” viene utilizzata un po’ a caso e ha perso ogni significato. Nell’antica India c’era invece una chiara linea di demarcazione tra una persona mondana e una persona spirituale. Ci si riferiva a ciò a cui si era in grado di rinunciare e a ciò che si stava cercando di ottenere . Ovviamente, puoi provare a essere amorevole, gentile e saggio nella tua vita mondana, ma questo è cercare di ottenere la tua torta e mangiarla tu stesso e ciò ha effetti limitati.

Eckhart Tolle | Penguin Random House
Eckhart Tolle

Eckhart Tolle mi ha insegnato qualcosa che mi ha aiutato enormemente con questo insegnamento buddhista, scrivendo di permettere che il tuo ego subisca il pestaggio. Secondo Eckhart, quando ti senti imbarazzato, offeso o turbato perché non hai ottenuto qualcosa, probabilmente è il tuo ego che viene ammaccato e maltrattato. Ed è esattamente ciò da cui stai cercando di liberarti come aspirante spirituale. Quindi lasciati star male, lascia che il tuo ego sia deluso e distruggi la sua presa sulla tua vita.

Proprio come il vecchio detto: bastone e pietre mi spezzeranno le ossa (ego) ma le parole non possono mai ferirmi (il mio vero sé).

Le otto preoccupazioni mondane consumano la nostra vita e presto governano il nostro mondo. Cerchiamo tutti di ottenere più e migliori possedimenti, abbiamo tutti a cuore la nostra reputazione, evitiamo le critiche e soprattutto proviamo a creare sensazioni piacevoli per noi stessi come mangiare del buon cibo. Desideriamo buoni sentimenti e fare sesso fantastico. Non mi piace generalizzare, ma penso che tu capisca il mio punto: queste preoccupazioni occupano molto del nostro tempo. Il Maestro Buddhista Tibetano Lama Yeshe la chiama “una vita yo-yo” costante:

Buddha-Weekly-Lama Thubten Yeshe-Buddhism - Buddha Weekly: Buddhist  Practices, Mindfulness, Meditation
Lama Thubten Yeshe

“Ricevo un regalo! Sono così felice!” “Ho perso quel regalo meraviglioso. Sono così infelice. ” Qualcuno dice “Sei meraviglioso” e noi ci sentiamo bene; qualcuno dice: “Hai commesso un errore”, poi il nostro umore peggiora. “

Lama Yeshe

Secondo Buddha questo è un grosso errore e se era vero 2500 anni fa lo è ancora di più oggi. La nostra società moderna ci vende e promuove quotidianamente queste otto preoccupazioni mondane.

La pubblicità si fondò sui nostri desideri di base dall’inizio del secolo scorso, quando Edward Bernays, uno studente di Sigmund Freud, usò le idee di Freud relative aidesideri inconsci per promuovere e vendere prodotti commerciali. Un grande documentario chiamato “The Century of the Self” lo spiega brillantemente. Da allora siamo stati inondati di pubblicità che stimola le nostre preoccupazioni mondane.

Allora qual è il problema con queste preoccupazioni mondane? Sono un trucco. Si basano sulle pulsioni subconsce e primitive che ci dicono che ottenere o evitare queste cose ci porterà felicità e soddisfazione. Tutto ciò vela e copre l’apprendimento da dove proviene la vera felicità.

Come spiega la Ven. Thubten Chodron, una monaca buddhista:

Ven. Thubten Chodron (2008) - Maitripa College
Ven. Thubten Chodron

Questa costante mente yo-yo dipende da persone e oggetti esterni e ci lascia ignari di come la nostra mente sia la vera fonte della nostra felicità e miseria. La vita diventa una battaglia con l’ambiente e le persone in esso, mentre proviamo essere vicini a tutto ciò che ci piace e allontanarci o distruggere tutto ciò che non ci piace. Questo ci porta così tanto malessere e sofferenza perché la nostra mente è così reattiva.

Ven. Thubten Chodron

Il punto principale qui è che le condizioni esterne cambiano sempre e quando provi a manipolare l’ambiente per ottenere la felicità diventa una lotta senza fine. Non possiamo controllare il mondo ma possiamo controllare le nostre menti e essere responsabili di come reagire e di quali stati d’animo incoraggiare.

Il Buddhismo antico e la psicologia positiva moderna concordano entrambi sul fatto che siano gli stati mentali interni la causa principale della felicità. Stati d’animo virtuosi come l’amore, la generosità e la pazienza contribuiscono in modo determinante a una vita felice. Anche la consapevolezza, una mente aperta e prendersi cura degli altri sono tutte cose che possono essere sviluppate internamente in relazione al mondo ed essere la causa di una persona pacifica e felice.

Senza la tranquillità, il denaro, la fama o il piacere non possono mai portarti la felicità.

Ci sono persone ricche che sono infelici e ci sono persone povere che sono felici. Lo stato d’animo è sicuramente la causa principale della felicità. Il Buddha era un principe con tutto il lusso e la ricchezza che si possa immaginare ma si rese conto che non gli portava una felicità duratura. Un esempio moderno è Russell Brand, che era ossessionato e aveva una scorta infinita di donne, denaro e droghe, ma presto realizzò:

Quando ero piccolo, pensavo che sarei stato molto più felice se fossi stato famoso e di successo e se avessi avuto soldi.Se non hai queste cose, ti senti come se non fossi abbastanza […] sempre di più ho realizzato… ognuno ha la bellezza dentro di sé, e se trovi questo e lo accetti, allora sarai felice indipendentemente dagli attributi esterni o dalle cose materiali.

Russel Brand
Freedom from Addiction with Russell Brand (Part 1) - Commune
Russel Brand

Ho scritto questo articolo in risposta a un membro della comunità The Way of Meditation su Facebook che ha detto che tutto ciò di cui aveva veramente bisogno erano 10 milioni di dollari per essere felice. Stava scherzando, beh, più o meno, ma penso che nella mente di molte persone ci sia un pensiero che se solo fossi ricco sarei felice.

Questo è il motivo per cui la meditazione è così importante per una vita felice. La meditazione ti aiuta a realizzare che una mente calma e pacifica porta felicità indipendentemente dalle circostanze esterne o da ciò che gli altri pensano di te e questa è una realizzazione molto importante. È l’inizio della tua vita spirituale. Se puoi essere felice guardando un muro puoi essere felice ovunque.

Articolo pubblicato su The Way of Meditation il 19 dicembre 2015

Chad Foreman

Chad è il fondatore di The Way of Meditation e insegna meditazione dal 2003. È determinato a portare pratiche di meditazione autentiche nella vita di milioni di persone nel mondo moderno. Chad è un ex monaco buddhista che ha trascorso 6 anni vivendo in una capanna di ritiro studiando e praticando la meditazione a tempo pieno. Ora offre lezioni di meditazione online e ha anche sviluppato un corso chiamato “The 21 Day Meditation Challenge” per aiutare a guidare le persone gradualmente dalle basi della consapevolezza e del rilassamento a stati profondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su