Amore e compassione nel Visuddhimagga

Amore e compassione nel Visuddhimagga

Domanda: Raccontaci qualcosa sul tuo percorso verso il Dharma.

Maria Heim: Mi sono interessata alla filosofia buddhista studiandola al college, nel contesto dell’essere affascinata dal pensiero indiano più in generale.

D: Buddhaghosa evoca alcune forti reazioni tra alcuni buddhisti occidentali. Alcuni tendono a biasimarlo per quelli che vedono come gli aspetti intransigentemente conservatori del Buddhismo Theravada. Qual è la tua opinione su chi fosse e quali fossero le sue intenzioni?

Buddhaghosa with three copies of Visuddhimagga.jpg
Buddhaghosa con le copie del Visuddhimagga

MH: Buddhaghosa è molto schietto riguardo alle sue intenzioni. Si vede come un custode degli insegnamenti in quanto li sta preservando ed estendendo in modo che le generazioni future (come noi) possano accedervi. Mentre lui, come altri commentatori della tradizione indiana premoderna, nega l’originalità, io lo vedo mentre offre letture sorprendentemente fresche dei testi. Quello che apprezzo di lui è la sua esplorazione molto umana e con i piedi per terra della psicologia umana, sebbene lo esprima in un linguaggio accademico molto erudito e talvolta difficile. La gente dovrebbe tenere presente che la maggior parte del lavoro a lui attribuito non è stata tradotta e che pochissimi studiosi lavorano su di lui. Quindi la piena estensione e profondità del suo pensiero non è ben nota.

Sto scrivendo un libro su ciò che Buddhaghosa aveva da dire sul processo di interpretazione delle parole del Buddha.

In particolare, sto esplorando i modi piuttosto sofisticati in cui pensava che le scritture potessero essere lette in modo che potessimo iniziare a cogliere come la comprensione onnisciente del Buddha potesse essere trasmessa nei mezzi limitati dei testi a comprensioni ancora più limitate (cioè non onniscienti) come le nostre. Buddhaghosa pensa che leggere e interpretare le parole del Buddha dovrebbe essere una pratica infinita – non è possibile arrivare alla fine della lettura e alle prese con un solo Sutta, per esempio. Questa pratica interpretativa molto aperta, ma allo stesso tempo altamente disciplinata, fa vivere gli insegnamenti sia nel passato che nel presente. Non lo vedo come un riflesso conservatore.

IJ: Vedi qualcosa dei Visuddhimagga che oscura gli insegnamenti precedenti? In altre parole, se si facesse affidamento esclusivamente sul Visuddhimagga, cosa mancherebbe?

MH: Il Visuddhimagga è molte cose, e una di queste è che è un compendio dell’Abhidhamma. In quanto tale, è un manuale brillantemente sistematico di alcuni degli insegnamenti più tecnici. Quello che non fa è trasmettere la vivace immediatezza delle conversazioni del Buddha con tutti i tipi di persone diverse che troviamo nei Sutta. Quando vediamo come il Buddha stava rispondendo alla vasta gamma di persone che incontrò e come parlò loro in modo specifico e acuto (qualcosa che i commenti di Buddhaghosa sui Sutta ci aiutano ad apprezzare, tra l’altro), ci rendiamo conto di quanto sia straordinario questo antico genere di dialogo.

Potremmo confrontare questa situazione con i dialoghi di Socrate e vedere che un compendio degli insegnamenti di Socrate astratti dai dialoghi dovrebbe essere letto in relazione con lo stile dialogico e conversazionale vivente della sua forma contestuale e “avanti-indietro” di indagine filosofica. Niente può sostituire la vivida qualità degli incontri narrativi contestualmente collocati dai Sutta. Ma il pensiero buddhista ci viene offerto in generi diversi e ogni genere rende possibile diversi tipi di comprensione. Ancora una volta, questa attenzione al genere è qualcosa di cui Buddhaghosa era ben consapevole e mi ha insegnato molto.

Edizione standard del Canone Pali in Thailandese

Creative Commons Attribution-Share Alike 2.5 Generic – foto di DhJ~commonswiki
Edizione standard del Canone Pali in Thailandese

IJ: Quali Sutta scegli per studiare nel tuo corso?

MH: Apprezzo molto la raccolta che Bhikkhu Bodhi ha tradotto intitolata “In The Buddha’s Words” e la uso molto nei miei corsi.

IJ: Cosa aggiunge la psicologia di Buddhaghosa a ciò che troviamo nei testi precedenti?

MH: Una cosa che fa è elaborare in dettaglio, con un occhio alle realtà pratiche-istituzionali della vita sul campo, ciò che la pratica dei Jhana, come i Brahmaviharas, implicano. Questi sono menzionati nei Sutta, ma non impariamo in cosa consiste la pratica completa né le complessità psicologiche di esse fino all’esposizione di Buddhaghosa. Buddhaghosa offre, credo, il lavoro più fine e sottile sulla psicologia umana di tutto il pensiero buddhista; questo è dovuto in parte al fatto che era profondamente immerso nell’Abhidhamma.

IJ: Lei menziona i Brahmaviharas come Jhana o pratica di concentrazione. È così che Buddhaghosa li vede?

MH: Sì, è così che vede i Brahmaviharas: come praticare Jhana. Buddhaghosa è del tutto chiaro: sono pratiche di meditazione Samatha che si verificano nella sezione sul Samādhi. Non sono una questione di Sīla o moralità.

Sono consapevole che questo può essere sorprendente per alcuni praticanti, ma è abbastanza chiaro nel Visuddhimagga. Naturalmente ne parlerò quando insegno a Barre. Ci sono alcune importanti implicazioni. Non ha molto da dire su di loro al di fuori del loro ruolo nel Jhana.

IJ: Anche coloro che contestano Buddhaghosa generalmente concordano sul fatto che ha avuto ragione in una cosa: il ruolo dell’etica nel Buddhadharma come fondamentale. Come ti avvicini a questo nel tuo pensiero?

MH: In effetti, per lui l’etica – Sīla, che significa non violare i cinque precetti e non praticare le dieci azioni non virtuose – è il fondamento di tutto il resto.

Per lui è una questione diretta e pratica: se non riesci a impedire che il tuo comportamento sia problematico, almeno a livello grossolano, non sarai nemmeno in grado di iniziare a concentrarti.

IJ: Il tuo libro esplora le nostre nozioni di intenzione e cosa significa essere un agente morale. Puoi illustrare un po’ le tue preoccupazioni?

MH: Ogni studente principiante del Buddhismo nota l’affermazione del Buddha che il karma è una questione di intenzione. Il mio libro chiede: cosa si intende per intenzione? Le fonti canoniche non affrontano questa domanda in modo così ricco come fanno i commentari, e quindi il mio libro è uno studio molto attento dei modi di Buddhaghosa di interpretare le idee sull’intenzione. Ma proprio come in inglese le idee di “intenzione” e di agire morale differiscono in diversi tipi di contesti e discorsi (lo usiamo in modo diverso nei contesti legali che nelle neuroscienze o nella conversazione quotidiana, per esempio), così anche l’intenzione differisce nei vari contesti intellettuali e contesti pratici nelle fonti buddhiste. Buddhaghosa è molto esplicito su questo. Il mio libro traccia come un gruppo di idee relative all’intenzione vengono discusse e descritte nei Sutta, Abhidhamma, Vinaya e nelle narrazioni, così come le vedeva Buddhaghosa.

Sono interessata a come il pensiero buddhista sull’agire morale sia spesso molto diverso dal pensiero occidentale moderno al riguardo e ci sfida ad avere paradigmi e categorie molto diversi per risolvere queste idee rispetto a quanto abbiamo di solito. Le idee sul “libero arbitrio”, ad esempio, non sono una preoccupazione centrale per Buddhaghosa.

IJ: Sulla base della tua ricerca, hai qualche consiglio che potrebbe essere utile per i praticanti buddhisti occidentali riguardo al ruolo dell’intenzione e dell’etica?

MH: Una cosa che penso che Buddhaghosa sottolinei ripetutamente è che la moralità è una questione (semplicemente, o meglio, non così semplicemente!) di smettere di fare cose cattive.

IJ: Hai un modo molto carino e positivo di inserire questo nel tuo libro, “The Presence of Absences”. Penso che lo citerò qui:

“… anche se può rendere una traduzione inglese più fluida dire qualcosa come ‘la libertà dal rimorso si verifica per coloro che praticano la Sīla‘, ho deliberatamente mantenuto la traduzione il più letterale possibile qui per mostrare come queste assenze siano cose che sorgono: il non-rimorso sorge per le persone che non violano i precetti.

Il non-rimorso è un’assenza di rimorso che sorge – è presente, per così dire – derivante da determinati processi (in particolare, non commettere atti immorali), e che a sua volta rende possibili altre cose (esperienza gioiosa). Credo che il linguaggio delle assenze non sia solo una stranezza del Pali, ma piuttosto una caratteristica importante di questa psicologia morale che identifica le esperienze di assenza come le condizioni per altre esperienze che altrimenti non potrebbero verificarsi […]

Heim, Maria, The Forerunner of All Things: Buddhaghosa on Mind, Intention and Agency

IJ: Per tornare al tuo prossimo corso, Buddhaghosa si riferisce alla “libertà del cuore amorevole”. Questo suona radicale alle orecchie moderne, dato che di solito associamo l’amore con l’attaccamento, la dipendenza, il dolore e così via. In che modo l’amore diventa liberatorio?

MH: “Libertà del cuore amorevole” è il mio modo di tradurre “metta cetovimutti“, che è stato tradotto in modo un po’ più piatto nella traduzione di Ñanamoli (altrimenti meravigliosa), quindi potremmo non aver apprezzato tutta la sua forza. Per Buddhaghosa l’amore è il processo costante (di fatto, senza fine) per liberarci dall’odio, dall’illusione, dall’invidia e dall’avidità che altrimenti ci schiavizzerebbero. È la condizione della libertà, non la sua antitesi.

Intervista pubblicata sull’Insight Journal del Barre Center for Buddhist Studies nel 2015

Dr. Maria Heim

Maria Heim è Professoressa di Studi Buddhisti nel Dipartimento di Religione all’Amherst College, in Massachusetts. È specializzata in Buddhismo pali e ha scritto un libro intitolato “The Forerunner of All Things: Buddhaghosa on Mind, Intention, and Agency“.
Al momento dell’intervista stava lavorando a un libro sulle emozioni nei testi premoderni dell’Asia meridionale e un secondo sull’interpretazione delle parole del Buddha, uscito poi nel 2018. “Voice of the Buddha: Buddhaghosa on the Immeasurable Words“.

Se vuoi approfondire il tema della compassione…

Shares

Ti potrebbe interessare...

Per approfondire...

La Nobile e Sacra Luce Dorata (pdf gratuito)

La Nobile e Sacra Luce Dorata
Edizione: brossura, bianco e nero
ISBN: 979-12-80233-06-6

Si ringrazia l’ILTK che ha collaborato per questa nuova edizione.

Questo libro digitale è disponibile per il download per aiutarti nella tua pratica di Dharma, puoi scaricarlo gratuitamente. Se desideri, però, puoi sostenere le attività della nostra casa editrice con una piccola donazione.

Shares






Oppure scrivi tu l'importo che ritieni più adatto

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Totale della donazione: €5,00

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Se questo e gli altri insegnamenti che puoi leggere gratuitamente sul nostro sito ti sono piaciuti aiutaci a continuare a tradurli e pubblicarli con una piccola donazione, poco più di un caffé a testa per la nostra redazione. Grazie!

Donaci un caffé

Oppure scrivi tu l'importo che ritieni più adatto

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Totale della donazione: €5,00

Carrello