Una Mappa dell’Universo della Mente

Il Mandala dei Cinque Buddha, una pratica perfetta: un rimedio perfetto per i cinque veleni

Buddha letteralmente si traduce come “Risvegliato” – riferendosi a Colui che si è risvegliato alla vera natura della realtà.

Shakyamuni si è risvegliato alla vera natura della realtà e alla vera natura della sofferenza – e ci ha dato rimedi per i cinque veleni che ci tengono intrappolati nel Samsara: rabbia, attaccamento, orgoglio, gelosia e ignoranza.

Ci ha insegnato che tutti noi possiamo diventare “Risvegliati” o Buddha, educandoci su vari abili mezzi per trasformare questi cinque veleni nelle Cinque Saggezze. Uno di questi metodi è meditare sul mandala dei Cinque Buddha.

I Cinque Buddha sono spesso chiamati i Buddha delle Cinque Direzioni. Questo linguaggio simile a una mappa non è casuale.

Il significato della “Mappa dell’Universo Mentale dei Cinque Buddha” è straordinariamente profondo. Ci invita ad essere l’esploratore, ad essere l’avventuriero che intraprende un viaggio per incontrare la grande saggezza Jinas. Invece di vedere i Cinque Buddha Cosmici come simboli con attributi, il “cercatore di saggezza” può viaggiare nella mente per incontrare le Cinque Saggezze.

Il Monte Meru con i Cinque Dhyani Buddha

Per iniziare questo viaggio è utile avere una mappa, un mandala, per tenerci orientati. Un mandala può essere pensato come una mappa da esplorare per la mente.

Nella prima parte, abbiamo discusso i diversi modi di vedere i Cinque Tathagata: Vairochana, Amitabha, Akshobya, Ratnasambhava e Amoghasiddhi. Nella seconda parte, discuteremo la “Mappa dell’Universo Mentale” – non una mappa letterale dell’Universo, non una carta delle stelle, né un’immagine arida del Nord, Sud, Est, Ovest, Centro – ma un profondo spazio mentale dove possiamo esplorare le Cinque Saggezze dei Buddha.

Non è questione di fede, superstizione o metodi di insegnamento arbitrari. Comprendere intellettualmente gli attributi dei Cinque Buddha e il significato del simbolismo è, forse, il primo passo – esploriamo a fondo questi attributi nella parte 3 di questa serie – ma il vero viaggio esperienziale è nel dominio della mente, piuttosto che del “cervello”. ” Si tratta di prepararsi effettivamente per un profondo viaggio mentale di sperimentazione delle saggezze dei cinque Buddha e delle loro famiglie.

La meditazione sui cinque Buddha è, in gran parte, un percorso mistico, un viaggio nella mente per incontrare la Saggezza e percepire la vera natura della realtà. (Per una discussione sul sorgere dipendente, il vuoto e la fisica quantistica nel contesto della vera natura dei Cinque Buddha, vedere la parte 1 di questa serie). L’insegnante Dr Alexander Berzin spiega [2]:

“Le famiglie dei Buddha – più pienamente, i tratti della famiglia del Buddha – si riferiscono ad aspetti della natura di Buddha che tutti noi abbiamo, anche i vermi. In generale, i fattori della natura di Buddha consentono o sono responsabili del fatto che tutti possono diventare Buddha. Più precisamente, si tratta di fattori associati al continuum mentale contaminato di ogni individuo che vengono trasformati in, o che sono responsabili dei vari aspetti di un Buddha. Questi fattori includono sia tratti costanti che sono sempre stati imputabili ai nostri continuum mentali, sia tratti in evoluzione che crescono.”

Mandala e Mappa mentale

Per aiutarci a navigare in questi concetti complessi e trarre vantaggio da queste tecniche di meditazione, i Cinque Buddha vengono presentati come aventi gli attributi in un Mandala, in termini moderni, una “mappa”. Questa non è una mappa di un luogo fisico. Sperimentiamo i Mandala nel dominio della mente e della visualizzazione. La mente, ovviamente, è essa stessa un grande mistero, ma è la mente che rimane centrale nella meditazione. Il grande Lama Yeshe spiega:

“Cos` è la mente? Non è altro che ciò che viene semplicemente imputato dalla mente, dal pensiero. In altre parole, a causa della ragione per cui la base – questo fenomeno senza forma che è chiaro e percepisce gli oggetti – esiste, la mente è semplicemente etichettata dal pensiero e presa sul serio. Per questo motivo, il pensiero costituisce l’idea, il concetto, il etichetta, “mente”, e poi prende per vero ciò che è semplicemente imputato dal pensiero. Pertanto, ciò che è la mente è qualcosa di estremamente sottile. Non esiste nel modo in cui ci appare normalmente. In realtà la mente che esiste, non esiste nel modo in cui normalmente ci appare, nel modo in cui normalmente la percepiamo, come una mente reale che esiste dalla sua prospettiva, una mente intrinsecamente esistente. Non è quello.”

Sebbene i vari commentari mettano tutto ciò nei termini di un Mandala, con istruzioni, il contesto di questa discussione specifica è la mappa mentale meditativa dei Cinque Buddha. Non dovrebbe essere limitato a “cinque” direzioni – in realtà, ci sono dieci direzioni simboliche, che sono onnicomprensive. La mente e il nostro universo “fisico” hanno “dimensioni” illimitate.

La posizione del Leone

“Istruzioni” – il linguaggio utilizzato 2500 anni fa – oggi potrebbe essere espresso come “dimensioni”. O no. Queste sono solo “etichette imputate”. La mente parla il linguaggio dei simboli, in particolare le menti intuitive e subconsce. In definitiva, possiamo scoprire la vera natura della realtà, come insegnato da Buddha, soltanto con una mente perspicace – da qui, la forte enfasi sulla meditazione e sulla metafora visiva e sui simboli negli insegnamenti e nelle visualizzazioni. Questo è specificamente esplorato nei potenti metodi tantrici noti come “Milam Sleep Yoga”, un metodo di sogno lucido che ci aiuta a sperimentare la realtà dualistica. [Per una storia completa su Milam Sleep Yoga, vedere…]

Nei termini dei moderni “film pop”, una rapida metafora del potere delle immagini e dei simboli – e della mappatura mentale meditativa – sarebbe il film Matrix, che esplora concetti intriganti quali dualità e “risveglio”.

Ci sono tre modi per esplorare il mandala: con Milam lo yoga del sonno (illustrato), pratiche di visualizzazione della divinità o tramite l’analisi intellettuale. Di questi tre, l’analisi intellettuale è la meno efficace, poiché i concetti del mandala esplorano la realtà percettiva.

Metafora del “risveglio”: il film Matrix

Il film Matrix ha sfocato in maniera convincente i confini tra realtà percettiva e realtà onirica, un concetto compreso da tempo dal Buddha. Nel film, la maggior parte degli umani veniva tenuta “addormentata” dalle macchine; quegli umani che sognavano erano convinti di vivere la vita quotidiana in un costrutto artificiale chiamato Matrix. Nessuno sapeva di stare dormendo in brutti serbatoi dai quali venivano trasformati in generatori di corrente per le macchine. Se morivi nel sogno, eri morto.

Buddha Shakyamuni tentato dai Mara al risveglio

Una traduzione del titolo Buddha (che in realtà non può` essere tradotto con una sola parola) è “colui che si è risvegliato alla natura onirica della realtà” o “colui che si è risvegliato alla vera natura della realtà”. O, semplicemente, il “Risvegliato”. Metaforicamente, nel film, Matrix può essere visto come il Samsara e Neo come il Risvegliato. Gli è stata data la possibilità di prendere la pillola verde o la pillola rossa. Il suo “mentore” Morpheus spiega:

“Questa è la tua ultima possibilità. Dopo questo, non si può tornare indietro. Prendi la pillola blu: la storia finisce, ti svegli nel tuo letto e credi a qualunque cosa tu voglia credere. Prendi la pillola rossa: rimani nel Paese delle Meraviglie e ti mostro quanto è profonda la tana del coniglio. Ricorda: tutto ciò che offro è la verità. Niente di più.”

Per ulteriori informazioni su questa metafora, vai a vedere la nostra storia precedente, “Cosa dicono gli Insegnanti sul Vuoto” nella sezione “Matrix:” Quanto é profonda la tana del coniglio…”

Il linguaggio della mente: i simboli

C’è una ragione per cui i “mandala” sono così importanti per il buddismo Mahayana e Vajrayana. Pensati per essere visualizzati (piuttosto che ispezionati con gli occhi) esprimono una mappa multidimensionale dell’universo nel contesto dei Buddha e delle Terre Pure. Dopo tutto, il linguaggio della mente non sono le parole; simboli, colori e immagini sono il linguaggio universale di tutte le menti. L’eminente Carl Jung spiega:

“Ogni espressione psicologica è un simbolo se assumiamo che affermi o significhi qualcosa di più e di diverso da se stesso che sfugge alla nostra conoscenza attuale.”

Poiché la maggior parte della pratica buddhista è “lavoro mentale” – meditazione seduta, osservare il respiro, visualizzazione del Buddha o pratiche di divinità più complesse – i simboli, le immagini dei colori diventano essenziali, piuttosto che arbitrari. Esprimono l’inconoscibile in un modo può` essere esplorato comodamente dalla mente.

In Vajrayana l’esplorazione del mandala dei Cinque Buddha – o di qualsiasi divinità – è visualizzata per immagini. È un lavoro mentale, visualizzato come un universo multidimensionale, illimitato, spazioso e onnicomprensivo. Qui, il chi medita, visualizza il mandala dei Cinque Buddha secondo alcune scuole: Vairochana (bianco) al centro, Amitabha (rosso) a est, Amoghasiddhi (verde) a nord, Akshobya (blu) a est e Ratnasambhava (giallo) nel sud. Alcune pratiche tantriche superiori e scuole differenti potrebbero avere Akshobya (blu) al centro e Vairochana (bianco) ad est (in basso). Non c’è contraddizione. Quando le posizioni vengono modificate, significa qualcosa di specifico per quel mandala e quella visualizzazione.

Vedere rosso – significa qualcosa

Amitabha Buddha è visualizzato come rosso brillante, circondato da Esseri Illuminati a Sukhavati, la Terra Pura Occidentale.

Blu, giallo, bianco, rosso, verde. I colori delle bandiere di preghiera.

Se un Buddha si manifesta come rosso, è per una ragione. Nel linguaggio della mente – che trascende le associazioni moderne – i “significati” universali del rosso sono fuoco (fiamma rossa), calore (fuoco caldo), amore (rosa rossa), sole al tramonto (energia). In Asia, il rosso assume un significato ancora maggiore: buona fortuna, prosperità, festa, felicità, lunga vita.

Amitabha, il Buddha della Luce Infinita, è associato al rosso nella Mappa dei Cinque Buddha. È il Buddha della Famiglia del Loto (simbolicamente il fuoco), l’Occidente (il sole che tramonta), la compassione e l’amore, la felicità – ed è fortemente associato alla lunga vita attraverso la sua emanazione come Amitayus – Buddha della Vita Infinita.

Tutti e cinque i Buddha direzionali hanno queste forti associazioni di colori: il linguaggio universale della mente. Si potrebbe dire che emanano visivamente in questo modo per innescare una risposta nella nostra mente.

Mappa dell’universo mentale

Lo ammetteremo, abbiamo appena inventato il termine “mappa dell’universo mentale”, ma per esprimere più` o meno in termini più moderni l’essenza di un mandala. Mandala non deve essere solo un’immagine, un thangka o un mandala di sabbia. È una rappresentazione grafica di ciò che speriamo di sperimentare nelle nostre pratiche di visualizzazione. È una mappa dell’universo mentale nel contesto dei Buddha. Nelle pratiche avanzate, dove abbiamo addestramento e iniziazione, potremmo persino visualizzare noi stessi al centro dell’universo mentale (mandala) come il Buddha. Nelle pratiche precedenti, potremmo semplicemente visualizzare il mandala “davanti a noi”. In ogni caso, l’intero universo è nelle nostre menti. La chiave è usare le pratiche – come le meditazioni sulla divinità o sul mandala – per ottenere scorci della verità ultima. Tulku Thondop, nel libro La Vera Natura della Mente, spiega la natura dualistica della mente [3]:

“La mente ordinaria, conosciuta anche negli insegnamenti Mahayana come mente illusa, è concettuale, dualistica ed emotiva. La mente illuminata, nota anche come stato risvegliato o natura di Buddha, è la vera e pura natura della mente. Per la maggior parte di noi, i concetti dualistici, le emozioni malsane e le sensazioni ossessive (particolarmente forte attaccamento e desiderio) della nostra mente ordinaria coprono l’aspetto illuminato della nostra mente. Questi pensieri sono come coperture che ci impediscono di realizzare e manifestare la nostra vera natura, come le nuvole che coprono il sole”.

C’è approssimativamente lo stesso numero di neuroni nel cervello umano quante sono le masse solari nella galassia della Via Lattea. La nostra mente non solo “osserva” ciò che percepiamo essere il nostro universo, ma è un brillante ammasso galattico composto da 100 milioni di neuroni e 100 trilioni di sinapsi, in grado di proiettare il proprio stesso contesto. In genere, come per la percezione esterna, il lavoro della mente interna è visivo, il linguaggio della mente.

Nella meditazione di visualizzazione Vajrayana – e nelle pratiche della divinità – quando meditiamo, non usiamo i nostri occhi per osservare. Usiamo la nostra mente per visualizzare. Non vediamo un “ricordo” di qualche thangka che abbiamo visto o ammirato; esploriamo il mandala tridimensionale nelle nostre menti aperte. La mente è uno spazio illimitato, così come l’immaginazione.

La mente umana normale ha 100 miliardi di neuroni e circa 100 trilioni di sinapsi. La galassia della Via Lattea (la nostra casa) è larga circa 100.000 anni luce e “solo” ha “una massa di 100 miliardi di masse solari” – lo stesso del numero di neuroni nel nostro cervello. [1]

Perché equiparare i neuroni alle stelle? Nell’universo del nostro cervello, i neuroni sono le nostre stelle splendenti. Il cervello non è la stessa mente – qualcosa che ancora non comprendiamo veramente – e, plausibilmente, con la mente non c’è misura di paragone. C’è un detto moderno secondo cui ci sono più neuroni nel cervello che stelle nell’Universo. Chiaramente, questo non è vero, ma su scala galattica siamo simili in grandezza. Perché, e` importante? Non lo è, ma è interessante nel contesto del “lavoro mentale” con pratiche di visualizzazione. Quando meditiamo attraversiamo l’universo della nostra mente.

I cinque veleni

Viktor Oliva, Il bevitore di assenzio, 1901

Il mandala si è semplificato sotto forma di un doppio vajra con attributi di colore simbolici.

Comprendiamo la verità relativa dei Cinque Buddha, come espressione delle manifestazioni delle Cinque Saggezze – i rimedi per i Cinque Veleni. Nella meditazione non visiva, i Cinque Veleni sono in primo piano: potremmo usare la meditazione logica, la meditazione o recitazione dei sutra, o l’osservazione consapevole delle nostre emozioni (rabbia, orgoglio, gelosia). Dal punto di vista karmico, è fondamentale trasformare queste afflizioni. Non possiamo progredire sul sentiero, senza affrontare le afflizioni che ci intrappolano nella sofferenza del Samsara: rabbia, attaccamento, orgoglio, gelosia e ignoranza. Con questi cinque “rimedi” – le cinque Saggezze, espresse nei Cinque Buddha – possiamo ottenere le realizzazioni.

Com’è possibile che questo accada attraverso le visualizzazioni dei Cinque Buddha? Buddha e tutti i grandi saggi hanno donato metodi intelligenti, uno dei quali era la visualizzazione di Esseri Illuminati perfetti che rappresentavano l’obiettivo della nostra trasformazione. Visualizziamo noi stessi in queste forme. Poiché il linguaggio della mente è costituito da simboli, colori e metafore, il metodo è profondo.

Istantanea dei Cinque Buddha

Sebbene esploreremo il simbolismo e gli archetipi dei Cinque Buddha, nella parte 3, ecco una rapida istantanea degli attributi simbolici dei Cinque Buddha.

NOTA: a seconda della scuola specifica, la visualizzazione o il tantra Vairochana e Akshobya possono essere “scambiati”. Alcune scuole collocano Vairochana al centro, Akshobya a est, altre collocano Akshobya al centro e Vairochana a est. Ci sono pratiche giustificate e ragioni simboliche per questo – meglio che te lo spieghi il tuo insegnante – ma non c’è contraddizione. I restanti tre Buddha non variano nelle loro “direzioni”. Se hai un insegnante, lasciati guidare sempre dal simbolismo e dagli attributi della tua pratica. Nei tantra superiori, come il Kalachakra, la pratica Heruka e la Guhyasamaja, gli attributi, le direzioni dei simboli possono cambiare. Altri attributi possono cambiare, come la/il consorte, a seconda della pratica.

Famiglia dei BuddhaTathagata (Buddha)Vajra (Fulmine)Ratna (Gioiello)Padma (Loto)Karma
Buddha (Padre)VairochanaAkshobyaRatnasambhavaAmitabhaAmoghasidhi
Mother (Consorte)DhatvishvaraMamakiLochanaPandaravasiniSamaya Tara
ColoreBianco o BluBlu o BiancoGialloRossoVerde
SaggezzaDharmadatuCome uno SpecchioUguaglianzaDiscernimentoChe Realizza tutto
VelenoDelusione/
Ignoranza
RabbiaOrgoglioDesiderio/
Attaccamento
Gelosia
SkandhaFormaConsapevolezzaSentirePercezioneAggregati
DirezioneCentro o Est (varia)Est o Centro (varia)SudOvestNord
ElementoAcqua o Spazio (varia)Spazio o Acqua (varia)TerraFuocoVento/Aria
SimboloRuota del DharmaVajra (Dorje)GioielloLotoDoppio Vajira

NOTE

[1] Space.com “Quante stelle ci sono nella Via Lattea?”
[2] Archivio Berzin
[3] La Vera Natura della Mente, Tulku Thondup

Lee Kane

L’autore è editore di Buddha Weekly dal 2007. I suoi articoli si focalizzano principalmente su tecniche di meditazione mindfulness e commentari ai sutra. Contribuisce anche ad altre riviste online e blog.

Articolo pubblicato su Buddha Weekly, che idealmente Cosa c’entra la fisica quantistica con i Cinque Buddha?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su