It from Bit: spiegare la realtà che vediamo

Tutte le cose fisiche sono di origine informativa-teorica e questo è un universo partecipativo. La partecipazione dell’osservatore dà origine all’informazione.

It from Bit”: secondo il fisico pionieristico John Archibald Wheeler sull’informazione, la natura della realtà e il perché viviamo in un universo partecipativo:

“La realtà è ciò che riteniamo vero”, affermò nel 1977 il fisico pioniere David Bohm. “Quello che riteniamo vero è ciò in cui crediamo… Ciò in cui crediamo determina ciò che riteniamo vero. E ciò che riteniamo vero è la nostra realtà”.

David Bohm con Sua Santità il Dalai Lama

La domanda su cosa sia vero è, ovviamente, invariabilmente binaria: per rispondere, dobbiamo scegliere tra vero e falso. Sinistra o destra, la pillola rossa o la pillola blu, la massima “Essere o non essere”.

La teoria dell’informazione è costruita su questa mentalità binaria – la logica “se questa, allora quella” della maggior parte dei linguaggi di programmazione si basa sulla dicotomia vero / falso nell’esecuzione dei comandi – ed è su questa relazione elementare tra informazione e coscienza umana che Bohm stava parlando.

Poco più di un decennio dopo, il grande fisico teorico John Archibald Wheeler (9 luglio 1911 – 13 aprile 2008) arricchì questa idea in un concetto che chiamò “It from Bit”. Più di trent’anni dopo aver reso popolare il termine “buco nero” – un termine per l’oggetto cosmico che consuma la maggior parte delle informazioni nell’oblio – Wheeler ha suggerito che la nostra esperienza degli oggetti, degli eventi e dei fenomeni che costituiscono la realtà è il risultato di decisioni binarie – vero/falso, sì/no, acceso/spento – che facciamo durante l’osservazione.

Wheeler presentò per la prima volta la sua nozione “It from Bit” a una conferenza del Santa Fe Institute nella primavera del 1989.

Quell’autunno la formulò in un documento pubblicato sotto il titolo “Information, Physics, Quantum: The Search for Links” nella rivista giapponese Proceedings del 3° Simposio Internazionale sui Fondamenti della Meccanica Quantistica alla Luce della Nuova Tecnologia. Successivamente è stato discusso nell’eccellente raccolta di saggi del 1992 “The Mind’s Sky: Human Intelligence in a Cosmic Context” (biblioteca pubblica) del fisico Timothy Ferris (da non confondere con Tim Ferriss), che è il modo in cui sono stato condotto per la prima volta nella tana del coniglio di oscure riviste accademiche alla ricerca del testo originale di Wheeler.

John Archibald Wheeler nel 1987, con il ritratto di Einstein appeso ben in vista nel suo ufficio. Al momento della sua morte, Wheeler era l’ultimo legame vivente con Albert Einstein e Niels Bohr, avendo collaborato direttamente con entrambi.

Nel suo articolo, Wheeler scrive:

Io, come altri ricercatori, cerco una formulazione dopo una formulazione delle questioni centrali e qui presento una panoramica più ampia, assumendo per ipotesi di lavoro la più efficace sopravvissuta a questa vagliatura: “It from Bit”.
Altrimenti, ogni esso – ogni particella, ogni campo di forza, anche lo stesso continuum spaziotemporale – trae la sua funzione, il suo significato, la sua stessa esistenza interamente – anche se in alcuni contesti indirettamente – dalle risposte suscitate dall’apparato a domande “sì o no” , scelte binarie, “bit”.

“It from Bit” simboleggia l’idea che:

  • ogni elemento del mondo fisico ha in fondo – in un fondo molto profondo, nella maggior parte dei casi – una fonte e una spiegazione immateriali;
  • ciò che chiamiamo realtà nasce in ultima analisi dalla posa di domande “sì-no” e dalla registrazione di risposte evocate dall’attrezzatura;
  • in breve, tutte le cose fisiche sono di origine informativa-teorica e questo è un universo partecipativo.
LHC rocks the seesaw model | CERN
Large Hedron Collider, CERN

Con un occhio alla famosa affermazione che “il tempo e lo spazio sono modi in base ai quali pensiamo e non condizioni in cui viviamo”. Wheeler, come molti altri, attribuisce erroneamente questa frase a Einstein. In realtà fu ideata dal più importante biografo di Einstein, Dimitri Marianoff, nel suo libro Einstein: An Intimate Study of a Great Man). Wheeler aggiunge:

Nessun resoconto dell’esistenza può mai sperare di rendere fondamentale ciò che non traduce tutta la fisica del continuo nel linguaggio dei bit. Non immetteremo il tempo in nessun profondo resoconto dell’esistenza. Dobbiamo ricavare il tempo – e il tempo solo dall’idealizzazione del continuum – da esso. Allo stesso modo lo spazio.

La fisica dà luogo alla partecipazione dell’osservatore; la partecipazione dell’osservatore dà origine all’informazione; e l’informazione dà origine alla fisica.

Il suo sentimento conclusivo offre una bellissima testimonianza dell’affermazione di Einstein che “ogni vero teorico è una specie di metafisico addomesticato”. Guardando indietro all’indagine centrale che anima il suo concetto “It from Bit”, Wheeler conclude:

Possiamo mai aspettarci di capire l’esistenza? Abbiamo indizi e lavoriamo per fare progressi su questo problema. Sicuramente un giorno, possiamo credere, coglieremo l’idea centrale di tutto come così semplice, così bello, così convincente che ci diremo tutti l’un l’altro: “Oh, come sarebbe potuto essere altrimenti! Come abbiamo potuto essere tutti così ciechi così a lungo! “

Sviluppi come la nascente età dell’oro dell’astronomia gravitazionale, che deve molto al lavoro di Wheeler, sono tra gli indizi più entusiasmanti. Ma prima di poter arrivare al momento in cui il poliedrico francese Henri Poincaré chiamava “illuminazione improvvisa”, quando viene rivelata la bellezza di una tale maggiore semplicità, dobbiamo guadare il folto della complessità maggiore, il cui distillato è il compito quotidiano e perenne della scienza.

Articolo pubblicato su Brainpickings.org

Maria Popova

Maria Popova, nata il 28 luglio 1984, è una critica letteraria e un’artista americana di origine bulgara che ha trovato ampio interesse: 3 milioni di visualizzazioni e più di 7 milioni di lettori mensili, sia per la sua scrittura che per la stilistica visiva che lo accompagna. È conosciuta soprattutto per il suo blog, “Brain Pickings”, una pubblicazione online che ha lottato per mantenere priva di pubblicità, che mostra i suoi scritti su libri e idee dalle arti, filosofia, cultura e altri argomenti. Oltre ai suoi impegni di scrittura e relatrice, ha lavorato come MIT Futures of Entertainment Fellow, come direttore editoriale del social network di istruzione superiore Lore e ha scritto per The Atlantic, Wired UK, e altre pubblicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su