Yeshé Tsogyal: la madre dei Vittoriosi

Nel 1959, il mio guru radice, Vidyādhara Chögyam Trungpa Rinpoce, scampò per poco alla morte durante la fuga dal Tibet con un grande gruppo di devoti. Trovò brevemente rifugio nella terra nascosta di Pema Kö. Là, in una grotta di roccia naturale, cantò spontaneamente una lunga canzone di ringraziamento a Yeshé Tsogyal, Madre dei vittoriosi, con un ritornello ripetuto:

Madre di tutti i vincitori, così gentile Ama Tsogyal,
Rifugio per questa vita e oltre, madre gentilissima, mi manchi.
Questo bambino, pensando ad Ama, semplicemente non lo sopporta affatto
Ama, A LA LA, per favore mostrami davvero un chiaro segno delle tue benedizioni.

Questa canzone ossessionante e penetrante parla di Yeshé Tsogyal come Ama, la Madre dei Vittoriosi, i Buddha.

Questa immagine della madre racchiude molteplici aspetti della vita di Yeshé Tsogyal e la sua importanza per tutti i praticanti buddhisti tibetani. Fornisce il lignaggio ancestrale e spirituale, la realizzazione della saggezza e la protezione per tutti coloro che seguono fedelmente il sentiero.

Quando Trungpa Rinpoce ha supplicato Yeshé Tsogyal, ha attinto alla potente corrente di benedizioni che scorre attraverso i suoi lignaggi ancestrali e spirituali.

Yeshé Tsogyal è chiamata “Madre dei Vittoriosi” perché simbolicamente è un’emanazione della stessa Prajñāpāramitā, la realizzazione che tutti i fenomeni sono non-nati, non-prodotti e incessanti. Questo insegnamento emblematico è l’essenza di tutto il Buddhismo; si dice che la realizzazione di questa verità non-duale trasformi completamente l’esperienza e il viaggio del praticante e attivi l’intrinseca Buddhità interiore.

La realizzazione della vacuità è chiamata la “protezione definitiva Śūnyatā” nel buddhismo Mahāyāna, perché quando si conosce l’ultima natura dei fenomeni, i pericoli e le preoccupazioni convenzionali sono visti come apparizioni oniriche e i mezzi abili del percorso da seguire diventano chiari.

Ma più di questo, Rinpoce si legò ai lignaggi di Guru Rinpoce (Padmasambhava) e del Nyingma, alle più profonde realizzazioni degli insegnamenti spirituali del Tibet dai lignaggi Terma, alla terra sacra del Tibet stesso e all’intrepida fedeltà del popolo tibetano di fronte alle avversità e alle tribolazioni.

Yeshé Tsogyal rappresenta tutti questi aspetti, poiché è stata probabilmente la prima tibetana a raggiungere l’illuminazione e, come devota discepola di Guru Rinpoce, è diventata la capostipite dell’intera tradizione di realizzazione delle pratiche yogiche del Tibet.

È la dakini più famosa, potente emblema femminile della realizzazione ultima che unisce la sacralità del corpo, sia femminile che maschile; il punto di incontro profondo del corpo e della mente nella meditazione; il regno visionario della pratica rituale; e le qualità vuote e spaziose della mente stessa.

Le Dakini sono diventate simboli di realizzazione nel Tantra tibetano e, come esseri visionari, presiedono alle porte della saggezza per i praticanti a venire. Yeshé Tsogyal è universalmente riconosciuta come la Regina delle Dakini.

La prova che Yeshé Tsogyal era una donna storica, una discepola principale di Guru Rinpoce, vissuta dal 757 all’817 C.E., fonda la ricca tradizione del suo esempio di vita per le praticanti contemporanee.

I resoconti della sua vita descrivono in dettaglio gli ostacoli specifici che ha dovuto affrontare come donna

Manipolata da genitori con piani matrimoniali per cementare alleanze politiche, contesa da corteggiatori reali a causa della sua nobile stirpe, assalita da fuorilegge in ritirata, molestata da potenziali protettori e testato dagli insegnanti per quanto riguarda le sue intenzioni e profondità di realizzazione. Durante il suo viaggio, lei stessa mette in dubbio la sua attitudine pur rimanendo fedele alla sua pratica e alle istruzioni del suo guru. La sua profonda fede e resistenza nella pratica forniscono un’enorme ispirazione per i praticanti nei secoli successivi. Ciò avviene poiché la sua illuminazione non è stata concessa con mezzi miracolosi. Lo ha fatto nel modo più duro; se l’è guadagnata.

Come discepola più vicina a Guru Rinpoce, si dice che trascrivesse i suoi insegnamenti del tesoro, usando una ciocca dei suoi capelli per calligrafare il codice segreto della dakini, decifrabile solo al più degni dei Tertön. Questi testi preziosi, riscoperti in momenti di buon auspicio durante la storia tibetana, dimostrano la loro profondità con l’abile indirizzo dei tempi che cambiano. Si percepisce il “fresco e caldo respiro” degli insegnamenti autentici.

Questo ruolo fondamentale ha inciso Yeshé Tsogyal nel cuore dei tibetani come madre duratura della realizzazione.

Alla sua morte, Yeshé Tsogyal giura che risponderà continuamente alle suppliche di protezione, benedizione e realizzazione nel futuro. Ciò la afferma come una figura duratura e senza tempo nell’immaginazione tibetana. Ci sono state una miriade di sue emanazioni nel corso della storia tibetana. Reliquie di capelli, scritte dakini, pezzi di vestiti e strumenti rituali sono stati scoperti in un vasto paesaggio… Ancora oggi appare in sogni e visioni, offrendo incoraggiamento, consiglio e profezia a coloro che la supplicano. Da questa prospettiva, Yeshé Tsogyal aggiunge l’autorità del lignaggio alla sua costante presenza per i praticanti buddhisti tibetani.

In questo contesto, la pubblicazione di una nuova biografia di Yeshé Tsogyal, rivelata da Drimé Kunga, è un’occasione gioiosa. Seguendo il viaggio della Regina delle Dakini, la biografia ha tutti gli elementi classici di un Namthar, dalla sua nascita miracolosa, il suo fidanzamento contestato, e il suo viaggio spirituale irto di ostacoli e la loro risoluzione, trasmissioni e insegnamenti, e la loro realizzazione.

Ci sono tre elementi distintivi in ​​questa biografia che forniranno una nuova prospettiva sulla vita di Yeshé Tsogyal

In primo luogo, non si fa menzione dell’imperatore tibetano Trisong Detsen, spesso indicato come suo marito, nella biografia segreta. Il resoconto del suo fidanzamento contestato procede in modo estremamente dettagliato, con argomenti presentati dalla sua famiglia e da vari membri della corte, con la replica di Yeshé Tsogyal, insistendo sul fatto che desiderava solo una vita di pratica e ritiro.

L’agonizzante dramma del fidanzamento comprende il 40% dell’intera biografia, con infinite scene di rapimenti, percosse, seduzioni senza successo, la corruzione della principessa dell’intero suo seguito con la sua dote e fughe inutili. In un’ultima scena disperata, la principessa prega per un protettore che possa fornire il suo santuario. Un uomo bianco con capelli annodati intorno a un cristallo, con in mano un vaso turchese, le appare e loda la sua fede e il suo impegno.

Dichiarandosi Guru Rinpoce, si offre di accompagnarla, e le presenta un anello ingioiellato, chiedendole di tenerlo senza dubbio sulla corona della sua testa, promettendo che la corte e il regno non potranno più vederla. Insieme volano in un sacro ossario chiamato Samyé Chimpu, un luogo potente per la pratica tantrica. Per proteggere i reali frustrati da ulteriori violenze, Guru Rinpoce fornisce due principesse clonate per sostituire Tsogyal, che deliziano i rispettivi regni.

Il secondo contributo distintivo alla biografia di Yeshé Tsogyal si presenta sotto forma di un viaggio visionario dettagliato a Oḍḍiyāna durante i dodici anni del suo ritiro solitario nell’ossario di Samyé Chimpu.

Questo viaggio la espone a regni ed esseri virtuosi e spregevoli. Viene messa alla prova sui suoi impegni, sul suo puritanesimo e impressionabilità, e sul suo coraggio, e le vengono affidati compiti specifici da adempiere e pratiche da completare.
Uno dei racconti più sorprendenti evoca il famoso racconto Jātaka della vita precedente del Buddha, in cui la principessa si offre come cibo per una tigre e i suoi diciotto cuccioli che stanno morendo di fame, disidratati e prossimi alla morte. Mentre la principessa fa a pezzi il suo stesso corpo come offerta, la tigre sorride ammirata e guarisce le sue ferite, curandola in segno di gratitudine. Questo potente atto di compassione accelera il progresso spirituale di Tsogyal e la incoraggia ad affrontare le numerose sfide di Oḍḍiyāna.

Terzo, nel momento in cui Yeshé Tsogyal sta per diventare illuminata, viene sfidata da un’apparizione adirata, che le chiede se fosse effettivamente in grado di aiutare qualcuno.

La manda nei regni infernali per mettere alla prova la sua realizzazione e le suggerisce di liberare in particolare un funzionario malvagio di nome Shanti, che aveva posto molti ostacoli sul suo cammino. La biografia descrive in dettaglio la sua discesa attraverso i regni infernali, la sua testimonianza delle torture di molti esseri, la sua pratica per gli esseri nell’inferno del tormento infinito e la sua liberazione di quegli esseri, incluso Shanti.

Questo atto finale realizza la sua illuminazione, le fa guadagnare il nome di Oceano Vittorioso di Saggezza e porta le seguenti lodi da Guru Rinpoce:

Sei una dakini pienamente qualificata
E la madre che dà la vita
a tutti i Buddha trionfanti.
Tua è la grande forza di tutti i Buddha,
Come il materno amorevole protettore
Di tutti gli esseri dei sei reami.
Le mie qualità come Nato-dal-Loto
Non provvengono da me —
Vengono da te.

Con queste parole, questa biografia suggella l’eredità di Yeshé Tsogyal quale Madre dei Vittoriosi.

Perché la biografia di Drimé Kunga dovrebbe enfatizzare nuovi temi ed eventi della vita di Yeshé Tsogyal? La risposta può essere trovata nella reattività delle Terma alle sfide del nostro tempo, e nel testo si possono scoprire tre temi ricorrenti. Il primo tema è la fede. Ancora e ancora, la fede di Tsogyal è sfidata dalle avversità, dalla lunga lotta per rimanere celibe attraverso il suo viaggio spirituale visionario. Guru Rinpoce le dà un primo insegnamento: come vedere l’avversità come il sentiero. Ciò avviene quando è in grado di entrare pienamente nel ritiro. Quando rimane ferma, viene lodata per la forza della sua fede.

Il secondo tema è il coraggio. La principessa deve affrontare ostacoli terrificanti, che vanno dalla diseredità familiare alla tortura fisica e all’imprigionamento, oltre alle minacce di demoni terrificanti, eroi e dakini adirati. I suoi mentori la rimproverano per la sua paura e intimidazione, e alla fine è in grado di mettere direttamente in discussione le bizzarre visioni che sopporta. Per superare la peggiore di queste visioni da incubo, le viene data una pratica yogica del corpo sottile per liberare i suoi canali e purificare il suo karma personale. Supportata dall’incoraggiamento della tigre, diventa senza paura di fronte alle minacce.

Il terzo tema che pervade la Biografia Segreta è la gentilezza.

Durante i suoi travagli, la principessa è in grado di provare empatia per gli esseri e restituire gentilezza per la crudeltà e la ferocia che incontra. Questo è più chiaro nei suoi incontri nei regni infernali. Qui la sua pratica per la liberazione del suo precedente nemico la porta all’illuminazione finale. Per questa maestria, Guru Rinpoce promette che sarà sempre sensibile alle suppliche dei praticanti e che la sua “compassione non-duale si trasformerà in qualsiasi cosa”. In questa epoca degenerata di aggressività e paura, la Biografia Segreta ci promette che la Madre dei Vittoriosi è sempre disponibile con la sua fede duratura, il suo tranquillo coraggio e la sua incrollabile compassione.

Estratto dal libro The Life and Visions of Yeshé Tsogyal, pubblicato sul sito di Shambhala

Judith Simmer-Brown

La Dottoressa Acharya Judith Simmer-Brown è un’insegnante senior di Dharma nel lignaggio Shambhala di Chögyam Trungpa e Sakyong Mipham, ed è un’illustre professoressa di studi contemplativi e religiosi presso l’Università di Naropa.
È autrice di Dakini’s Warm Breath: The Feminine Principle in Tibetan Buddhism (Shambhala, 2002) e Meditation and the Classroom: Contemplative Pedagogy for Religious Studies (SUNY Press, 2011).


Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello