Consiglio di cuore per i praticanti

Una risposta a una richiesta di consiglio da parte di Tan Nisabho, un giovane monastico ordinato nella Tradizione della foresta thailandese dopo aver frequentato il programma “Exploring Monastic Life” nel 2012. Tan Nisabho ha visitato di nuovo l’Abbazia di Sravasti per alcuni giorni nel maggio 2015. Ascoltare e imparare dagli altri, ma pensando da soliEssere[…]

Chi è Machig Labdrön?

Una breve biografia di Machig Labdrön (1055-1153) Machig Labdrön è stata una yogini tibetana dell’XI secolo, i cui insegnamenti e pratiche di Chöd (letteralmente “separazione” o “taglio”) hanno profondamente influenzato tutte le scuole del Buddhismo tibetano. Era unica, in quanto donna e tibetana, divergendo dalla norma tradizionale dei maestri buddhisti indiani maschi. La sua vita[…]

Come guardare un muro

“Ti piacerebbe imparare a meditare adesso?” L’ho chiesto a una studentessa mentre ci avvicinavamo alla fine della lezione di meditazione. Stavo perdendo la pazienza. Per tutta la mattinata aveva sollevato obiezioni e domande filosofiche. Voleva discutere del Buddhismo e non praticarlo. Il tempo stava scadendo e avevamo appena iniziato. Ho continuato a cercare di tornare[…]

I Cinque Skandhāh

Secondo la filosofia buddhista, i Cinque Skandhāh (Skt. pañca upādānaskandhāḥ), ossia i cinque aggregati psicofisici, sono la base per l’auto-afferrarsi. I cinque aggregati psicofisici sono: forma sensazione percezione formazione mentale coscienza. La Forma (rūpa) L’aggregato della forma corrisponde a ciò che chiamiamo fattori materiali o fisici. Include i nostri corpi e oggetti materiali. Rūpa è[…]

I Cinque Ostacoli (Pañca Nīvaraṇāni)

NAMO TASSA BHAGAVATO ARAHATO SAMMASAMBUDDHASSA Rendo omaggio al Beato, al Nobile, al perfettamente Risvegliato I principali ostacoli che impediscono la meditazione e la realizzazione liberatrice assumono la forma di uno o più dei Cinque Ostacoli. L’intera pratica che porta all’Illuminazione può essere ben espressa come lo sforzo per superare i Cinque Ostacoli, dapprima sopprimendoli temporaneamente[…]

Secondo il Buddha, le Otto Preoccupazioni Mondane impediscono la felicità

Otto diversi desideri mondani che legano ai cicli infiniti di sofferenza C’è un insegnamento buddhista molto interessante e utile che spiega come le otto preoccupazioni mondane legano ai cicli infiniti di sofferenza e impediscono di raggiungere una felicità duratura. Poiché tutti vogliono essere felici e nessuno vuole soffrire, questo è un insegnamento molto importante e[…]

La scienza del narcisismo spirituale

L’auto-miglioramento attraverso le pratiche spirituali può indurre alcuni di noi a pensare che stiamo evolvendo e crescendo. In realtà, stiamo solo accrescendo il nostro ego. “L’ego è in grado di usare qualsiasi cosa a proprio vantaggio, anche la spiritualità.” Chögyam Trungpa Un presunto beneficio delle pratiche spirituali mente-corpo come lo yoga, la meditazione e la[…]

I Quattro Fondamenti: i Pensieri che fanno volgere la Mente verso il Dharma

Quando iniziamo a praticare il sentiero del Buddha, è necessario che la nostra mente si volga verso il Dharma. Ciò si ottiene facendo affidamento sui Quattro Pensieri che sono le basi comuni della nostra pratica. Tutti i precedenti Maestri e Siddha contemplarono questi Quattro Pensieri. Questi preliminari che fanno volgere la mente verso il Dharma[…]

La posizione delle Donne nel Buddhismo: attività spirituali e culturali

Il Buddha è un grande benefattore dell’umanità. Dopo il raggiungimento dell’Illuminazione a Bodhgaya e il primo giro della ruota del Dharma a Sarnath, il Buddha fondò l’ordine dei monaci (Bhikkhusangha). Questo ordine cresceva e, dopo quarantacinque anni di attività del Buddha, si era diffuso in tutta l’antica India. Ma la convinzione infondata dei brahmini è[…]

Torna su