Buddhismo e vegetarianismo

“La grande mente compassionevole è la Mente di Buddha. Lo spirito del Buddhismo è la compassione e l’equanimità. Se desideriamo conseguire una mente di compassione ed equanimità, innanzitutto non dobbiamo uccidere; secondo, dobbiamo salvare e proteggere la vita; terzo, dobbiamo adottare il vegetarianismo. Realizzando queste tre condizioni, la nostra mente compassionevole si manifesterà”. Praticare il[…]

L’Economia Buddhista: come iniziare a mettere le persone sopra i prodotti e la creatività sopra il consumo

Lavoro e tempo libero sono parti complementari dello stesso processo di vita. Non possono essere separate senza distruggere la gioia del lavoro e la beatitudine del tempo libero Molto è stato detto circa la differenza fra denaro e benessere e come noi, come individui, possiamo incrementare quest’ultimo; tuttavia la divergenza fra i due è presumibilmente[…]

I Quattro Sigilli del Buddhismo

Potremmo chiederci: come possiamo accertare che una particolare dottrina sia Buddhista o no? Ciò si può fare se essa segue i Quattro Sigilli – i quattro principi condivisi da tutti i Buddhisti. Ecco i quattro sigilli: Tutti i fenomeni composti sono impermanenti; Tutti i fenomeni impuri sono dukkha – insoddisfacenti oppure nella natura della sofferenza;[…]

Ogni giorno è un dono

La morte è inevitabile. Contemplare questa verità può sembrare di pessimo gusto, ma può anche conferire più gioia e significato alla vita di tutti i giorni. Kisa Gotami era una giovane donna che viveva all’epoca del Buddha storico. Un giorno il suo unico figlio morì e lei soffrì così tanto per il dolore di questa[…]

Le Dimensioni Nascoste: un’intervista con Alan Wallace

Nel suo libro “Hidden Dimensions”, “Le Dimensioni Nascoste”, Alan Wallace colma il divario fra il mondo della scienza ed il reame spirituale. La teoria della relatività ontologica di Alan Wallace suggerisce che i fenomeni mentali non emergono dal cervello. Piuttosto, essi sorgono da una dimensione della realtà che è più profonda della biforcazione fra mente[…]

Competenze comunicative per catalizzare la crescita

In ogni fase del nostro sviluppo, siamo tesi ad accogliere livelli di complessità sempre più profondi, in relazione alle nostre esperienze e ai nostri modi di conoscere noi stessi, e in relazione ai nostri rapporti con gli altri e al resto del mondo naturale. Le nostre conversazioni vengono chiamate ad evolversi parallelamente al nostro sviluppo,[…]

I Buddhisti devono svegliarsi di fronte al problema della crisi ecologica

I buddhisti, dice David Loy, sono stati spesso lenti nell’aprire gli occhi davanti al problema del cambiamento climatico. Egli esamina alcuni insegnamenti buddhisti chiave per provare a capirne il perché.  L’interesse verso l’eco-dharma – le implicazioni ecologiche derivanti dagli insegnamenti buddhisti – sta infine crescendo nei Sangha buddhisti, dopo anni di apparente indifferenza e poca[…]

Come conoscere la natura della nostra mente

Alcune persone pensano di sapere tutto sul buddhismo e sui buddhisti soltanto perché hanno letto un paio di libri. Ne prendono uno a caso: “Hmm. Vediamo cosa dice questo libro. Bene, secondo quello che c’è scritto, sembra che i buddhisti siano vera­mente estremisti. Credono in tutta una serie di stranezze.” Poi ne prendono un altro:[…]

Cosa c’entra la fisica quantistica con i Cinque Buddha?

Duemilacinquecento anni fa, Buddha Shakyamuni insegnò la verità del sorgere-dipendente e l’intera visione che non esistiamo “lì fuori” in modo indipendente. Il famoso esperimento “effetto osservatore” della fisica quantistica conferma questa verità. Ma il Buddha ne parlò secoli fa come menzionato del grande Mahanidana Sutra: “Se questo esiste, quello esiste; se questo cessa di esistere[…]

Estratto da Ego, Attaccamento e Liberazione

Imparate da tutti i fenomeni Per quei ricercatori spirituali che vogliono investigare la natura della realtà interiore, i problemi sono una grande opportunità; invece di essere un ostacolo, sono di beneficio, danno più energia, maggiore saggezza e realizzazioni più profonde. Le esperienze negative diventano positive perché non sono più etichettate come tali, ma come occasioni[…]

Torna su