Scegliere il libro giusto

Pubblicato Ego, attaccamento e liberazione, abbiamo fatto in tranquillità un bilancio del nostro primo anno e siamo soddisfatti: oltre a lanciare il nuovo marchio Nalanda, abbiamo pubblicato sette libri tra cui alcune ristampe di pubblicazioni FPMT ormai introvabili (in particolare il libro delle Preghiere essenziali è stato molto richiesto in questi mesi), testi ancora inediti in italiano, il progetto dei Quaderni di Nalanda che svilupperemo meglio quest’anno e il volume di Piero Verni, una nuova edizione con aggiunte e arricchimenti.

Per ora sei uscite Nalanda, e insieme a questi tanti progetti. Stiamo chiudendo in questi giorni due titoli, mandando in traduzione altri testi di cui abbiamo acquistato i diritti e studiando per allargarci su altri formati del libro… ma per ora non vogliamo svelarvi troppo, tutto a tempo debito.

Presi dall’entusiasmo, ci siamo però resi conto di una cosa. Questa varietà di titoli, che ci caratterizza come casa editrice, allo stesso tempo ha creato un po’ di confusione. Nelle scorse settimane diversi lettori ci hanno chiesto: «Sì, tutto molto bello, ma da dove comincio?»

La nostra linea editoriale, come abbiamo detto fin dall’inizio, vuole rivolgersi sia a chi ha già esperienza del Buddhismo tibetano (pratica, frequenta i centri, ecc.) sia per chi si sta cominciando a interessare su questo tema e sta cercando qualche suggerimento alla sua portata.

I titoli che per ora abbiamo pubblicato parlano abbastanza da soli secondo noi, sia per dimensioni che per il prezzo, però non sarà sempre così, e dare per scontato che il libro sottile sarà di più facile accesso del tomo da settecento pagine potrebbe alla lunga portare a scegliere il libro sbagliato. Chi è già nella sfera “FPMT” conosce bene le figure delle nostre guide spirituali e molti dei titoli che stiamo pubblicando, ma per chi non è un buddhista mahayana?

Ci siamo messi nei panni di chi capita sul nostro sito o ci trova in libreria per altri canali e ci sembra giusto inserire una piccola legenda per capire meglio a che livello si rivolgano i nostri titoli. Inseriremo questo riferimento sia nelle pagine dei libri che nell’Angolo di lettura, la nostra sezione dove si possono scaricare alcuni estratti dai volumi già pubblicati. 

In linea di massima per ora il testo più specialistico è Meditazione sulla Vacuità, e un altro testo molto intenso sarà Il Cuore del sentiero, che stiamo chiudendo… anche il libro di preghiere, ovviamente, si rivolge in primis a chi pratica. Per chi si avvicina al Buddhismo, suggeriamo nelle nostre uscite La visione interiore, in cui il Dalai Lama parla di molti aspetti di questa filosofia e della cultura tibetana in maniera chiara e comprensibile… ma anche il primo dei Quaderni di Nalanda, perché può aiutare a capire cosa intendiamo per “ricevere un insegnamento da un maestro”, anche se non sostituisce l’esperienza dal vivo. Anche i “libri australiani” sono testi più accessibili, anche perché sono raccolte di alcuni dei primi insegnamenti offerti da Lama Yeshe a un pubblico occidentale.

In ogni caso con l’Angolo di lettura renderemo più facile la scelta dei libri… Anche perché un piccolo estratto è sempre la via più semplice per capire se un testo fa per noi o no.

Per qualunque dubbio comunque non esitate a contattarci, la redazione è a vostra disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su